Passa ai contenuti principali

Post

Visualizzazione dei post da Marzo, 2013

Imbottigliare costa poco

da Altreconomia del 26 febbraio 2013 Tra due giorni il World Water Day. E mentre in tutta Italia si moltiplicano le iniziative per la  ripubblicizzazione , resta il problema acque minerali : in Veneto, le aziende pagano ai Comuni meno di 1 milione e mezzo di euro per mettere in bottiglia oltre 2,5 miliardi di litri d’acqua. E la Regione promuove il Pet sostenibile _ _ _ Ventotto Comuni veneti si spartiscono, a fine 2012, un milione e 390mila euro.  È la “mancia” che le aziende che imbottigliano acque minerali in regione riconoscono come “contributo di compensazione dei danni diretti e indiretti provocati nei comuni ove hanno sede gli impianti […] e nei comuni contermini”. Sono pochi spiccioli, perché versati in cambio di oltre 2,5 miliardi di litri d’acqua. Il 58,5% del totale imbottigliato, oltre 1,4 miliardi di litri, viene prelevato da falda nel territorio del comune di Scorzè, in provincia di Venezia. In cambio, il bilancio dell’ente, sul cui territorio ha sede lo stabilimento di 

Mozione acqua pubblica

Discorso presentazione mozione acqua in Consiglio Comunale Rosà Sappiamo tutti che dopo gli esiti dei referendum del giugno 2011 con cui 27 milioni di cittadini italiani si erano espressi per una gestione dell'acqua che fosse pubblica e fuori dalle logiche di mercato si è tentato in diversi modi di non rispettare la loro volontà. Già il Governo Berlusconi, solo due mesi dopo i referendum, aveva varato un decreto che, reintroducendo sostanzialmente la stessa norma abrogata, avrebbe portato alla privatizzazzione dei servizi pubblici locali. Tale decreto è stato poi dichiarato incostituzionale. In egual modo, più recentemente, l'Autorità per l’energia elettrica ed il gas vara una tariffa che nega, nello specifico, il secondo referendum sulla remunerazione del capitale e lascia che si possano fare profitti sull'acqua, cambiando semplicemente la denominazione in “costo della risorsa finanziaria”, ma non la sostanza: profitti garantiti in bolletta. Noi siamo fermamente convinti c

Acqua pubblica in Europa

UN MILIONE DI FIRME PER FERMARE LA PRIVATIZZAZIONE DELL'ACQUA, MANCA ANCORA LA TUA  L'iniziativa dei Cittadini Europei per chiedere alla Commissione Europea che le risorse idriche siano messe fuori dal mercato ed al riparo dai tentativi di privatizzazione ha superato il milione di firme. È un risultato importante per contrastare la privatizzazione del servizio idrico voluta dalla Commissione Europea e rafforzare la battaglia per l'applicazione del  referendum sull'acqua in Italia. Per centrare l'obiettivo è necessario che in almeno 7 paesi si raggiunga la quota minima stabilita. In Italia mancano 40 mila firme per raggiungere il quorum e 100 mila per contribuire a raddoppiare e raggiungere i due milioni complessivi entro il 22 marzo, giornata mondiale dell'acqua. 5 piccole azioni in 5 minuti per partecipare anche tu all'iniziativa: 1) Se non hai ancora firmato fallo al più presto cliccando  qui 2) Se hai firmato convinci almeno altre due persone a farlo 3) C

Poco prima della rivoluzione - Dario Fo

6 marzo dal Blog di Beppe Grillo "Molti mi scrivono e mi telefonano, addirittura c’è chi mi ferma per strada, chiedendomi: “ Ma non le pare che Grillo, a parte il suo talento, sia di fatto un populista? ” “ Fermi tutti  - rispondo –  voi sapete che significato abbia l’espressione populista? ” Il dizionario dice che populista è colui che intende migliorare la posizione del popolo permettendogli di sfuggire alle violenze della classe dominante, ai ricatti e allo sfruttamento. Quindi è un termine positivo completamente opposto all’altro termine: demagogo. Forse coloro che con tanta leggerezza usano la definizione di ‘ populista’  per denigrare un oppositore, dovrebbero ritornare sul dizionario e consultare il termine alla voce demagogo e scoprirebbero che al contrario, quell’espressione, significa ‘ colui che con ipocrisia ben calcolata, cerca di sfruttare l’ingenuità di una popolazione per trarne vantaggi indegni ’. Quindi, miei cari, avete sbagliato termine. Ora, è buona norma quan

Interrogazione 1

orlandi La BTOLEA, subentrata ad Orlandi, chiude nel 2004. Di fatto il privato abbandona il sito e di conseguenza non effettua i controlli sulle cisterne che contengono solventi. Subentra il comune con ARPAV e nel 2006, dopo aver verificato il pericolo di inquinamento e la Procura sequestra il sito. Viene fatta cauterizzazione con una decina di piazzamenti anche se poi il piano viene rigettato perché aveva dei difetti nelle procedure. Nel 2010 viene dissequestrato il sito e si ricomincia l'Inter. Il comune esercita il potere sostitutivo con la Provincia nei confronti del privato e si assume la responsabilitá di fare il piano di cauterizzazione, acqua e suolo, nel 2011. La zona è costantemente monitorata da piazzamenti che danno lo stato del l'inquinamento. Attualmente sono nelle norma e non intaccano la falda grazie anche al fatto che il solvente è una sostanza che tende a stare in superficie, nelle cisterne, e non filtra nelle rotture. Allo stato attuale si deve fare la gara p

Elezioni 2013

Le elezioni 2013 hanno avuto uno sfondo apparentemente molto simile a quelle degli anni scorsi, presentando dibattiti e confronti di ogni genere,discussioni e critiche rivolte all'avversario politico, di presentazioni di partiti e candidati in qualsiasi canale della televisione e a qualsiasi ora del giorno; ma ribadisco e sottolineo "apparentemente". Poiché nel frattempo le piazze di circa 100 città italiane si sono riempite di gente stanca delle continue promesse di politici poi non mantenute, di persone di ogni età che non si sono fatte intimorire neanche dalle condizioni atmosferiche, a volte, molto sfavorevoli e di certo non di aiuto. Eppure il popolo esausto di tante parole date ma nei fatti concreti non vedono alcuna applicazione, del non essere più parte attiva alla vita democratica, e quindi di non essere più l'artefice in prima persona di scelte in questioni fondamenti ma subdelegate ai soliti "cialtroni" della politica, ha deciso di dire "bast