Passa ai contenuti principali

L'importanza dei beni comuni per raggiungere la felicitá

"Crea tutta la felicitá che riesci a creare, rimuovi tutta la sofferenza che riesci a rimuovere" Jeremy Bentham
Jeremy Bentham sosteneva fermamente che tutte le leggi dovevano essere fondate su un qualche principio unitario. Altrimenti come potrebbero essere coerenti le une con le altre? Il principio da lui proposto era dunque questo: tutte le leggi e le singole azioni dovrebbero mirare a produrre la maggiore quantitá possibile di felicitá. Una societá, diceva, può definirsi buona nella misura in cui i suoi cittadini sono felici. Di conseguenza una legge è buona se accresce la felicitá dei cittadini.
Oggi ci troviamo così a vivere in una societá nella quale manca una base filosofica di accordo per le politiche pubbliche. I politici che seguono una visione puramente pragmatica sostengono di portare avanti "le scelte che funzionano"; va bene ma che funzionano per che cosa, a quale fine?
Cosa è veramente importante per un cittadino?
Al giorno d’oggi il bene comune risulta calpestato in molte occasioni, motivando l’atto per mere problematiche finanziarie e di bilancio. Siamo proprio sicuri che questo possa essere fatto con tanta semplicità e frivolezza.
Perchè una societá possa prosperare, i suoi membri devono condividere l'idea di un obiettivo comune da raggiungere. Il semplice inseguimento della propria realizzazione individuale è destinato a fallire. Al contrario, è necessario che gli uomini sentano di esistere per un fine più grande: questo pensiero basta per alleggerire la pressione a cui siamo sottoposti. Abbiamo quindi disperatamente bisogno di un concetto di bene comune.
La felicitá, quindi, dipende sia dalle situazioni esterne sia dalla vita interiore. Dovremmo pertanto reindirizzare la nostra societá verso la ricerca della felicitá piuttosto che verso l'obiettivo dell'efficienza dinamica. La vita è fatta per vivere. La scienza ha eliminato la scarsitá di mezzi, e dobbiamo ora pensare seriamente a che cosa, oggi, rappresenterebbe un autentico progresso.
Fermare il consumo del territorio, l'acqua come bene comune, solidarietá sociale, partecipazione alle scelte del nostro comune sono elementi fondamentali per una visione del futuro che metta al primo posto la qualitá della vita.
Noi del Movimento 5 Stelle di Rosà stiamo combattendo questo diritto fondamentale del cittadino, è un nostro cavallo di battaglia nonchè fa parte delle nostre Stelle fondanti.
A Dicembre con una mozione abbiamo voluto chiedere alla nostra amministrazione una garanzia in più. Chiediamo che l’acqua come bene irrinunciabile e inalienabile sia di pubblico dominio, non solo per le sue reti, ma anche per la sua gestione. Le indicazioni venute dal referendum sono chiare, gli italiani vogliono che la gestione sia pubblica (primo referendum), il senso della delibera che si vuole approvare è proprio questo: mettere a statuto comunale che i cittadini Rosatesi vogliono che la gestione dell'acqua sia totalmente pubblica.
Stiamo trovando non pochi problemi a far si che questo semplice nonchè referendario concetto, diventi parte integrante dello statuto del nostro comune..
Ciò che è pubblico deve poter essere visto, controllato, condiviso da tutti e solo mettendo assieme le forze, i pensieri e le idee dei cittadini si può combattere per un fine comune e riuscire ad ottenere ciò a cui si aspira e sicuramente trovando allo stesso tempo la felicità.

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti gli animali sono uguali, ma alcuni sono più uguali degli altri

A seguito del Consiglio Comunale di Lunedì scorso, riprendiamo un celeberrimo motto da un romanzo dello scrittore Orwell , che con le sue opere ha saputo raccontare e criticare la realtà delle dittature . Perché? Perché la partecipazione al Consiglio Comunale è diventata ormai una farsa . Così come i maiali della " Fattoria degli Animali "  da buoni amministratori diventano col tempo degli spietati dittatori che reprimono qualsiasi dissenso, così la maggioranza rosatese tratta le opposizioni. La dignità e il rispetto sono continuamente calpestate e le minoranze sono praticamente derise, anche quando la maggioranza sa di essere in fallo. Dopotutto chi se ne accorge? Non sembra esserci molto interesse sui retroscena dell'amministrazione comunale, né da parte dei cittadini (così come le pecore del romanzo), né da chi potrebbe riportare al pubblico determinate questioni, risvegliando le coscienze. Ormai la cittadinanza è assuefatta dal meccanismo della delega , divenuta una

Il TAR si è pronunciato: Il comune di Rosà è tenuto a risarcire

Un importante progetto ne è andato di mezzo, l' illuminazione pubblica . Siamo ad un nuovo capitolo di un caso che forse tanto isolato non è. Il Comune di Rosà dopo aver aperto un bando di gara e ricevuto le varie proposte ha pensato di accettare un cambiamento del preventivo all'ultimo momento. E indovinate chi ha vinto la gara? Avete capito giusto, proprio questa fortunata azienda F.lli Carollo Srl. Dopo essersi vista approvare il preventivo, hanno pensato di innalzarlo per giusta causa da 549.266 euro a 715.864 euro, violando il principio di immodificabilità dell’offerta e della par condicio tra i partecipanti. Il TAR di Venezia ha accolto il ricorso della seconda ditta classificata e ha condannato il Comune e Flli Carollo a pagare le spese processuali annullando tutti gli atti di gara . Questa sentenza non può passare inosservata! Visto il “modus operandi” dobbiamo preoccuparci anche per gli altri appalti e subappalti che il Comune sta facendo? Il M5S di Rosá è vig

12 Maggio - "Non uno ma ben due guanti di sfida alle liste in corsa per le amministrative rosatesi"

Venerdì 12 Maggio p.v. ci sarà la presentazione del programma elettorale della lista pentastellata a cui tutta la cittadinanza rosatese è invitata. Precisa il candidato sindaco "Abbiamo voluto presentare il nostro programma un giorno prima della data ultima di presentazione ufficiale delle liste, appunto per lanciare un guanto di sfida. La sfida è sui temi, sui contenuti che ogni lista deve portare alla cittadinanza. Già 5 anni fa si è fatto il gioco del tira e molla tra liste per stabilire chi diceva meglio lo stesso identico punto del programma. Questa volta vogliamo essere noi a dire agli altri, copiateci , ne saremmo onorati". E con il guanto ancora in mano, il laureato alla Ca' Foscari Stragliotto "Con la serata di Venerdì, vogliamo dire a tutti i rosatesi: se ci darete la possibilità noi possiamo realizzare tutti questi punti e guardate che lo faremo sul serio! " afferma sorridendo il candidato sindaco grillino. Inoltre, nella serata sarà p