Passa ai contenuti principali

Interpellanza: Adeguamento comune di Rosà D.Lgs. n. 33/2013

Interpellanza: Adeguamento comune di Rosà D.Lgs. n. 33/2013 “ Riordino della disciplina riguardante gli obblighi di pubblicità, trasparenza e diffusione di informazioni da parte delle pubbliche amministrazioni”


 Il decreto si compone di numero 53 articoli ed un allegato con il quale vengono dettati i principi di trasparenza definita ai sensi dell’art.1 come l’accessibilità totale delle informazioni concernenti l’organizzazione e l’attività delle pubbliche amministrazioni allo scopo di favorire forme diffuse di controllo sul perseguimento delle funzioni istituzionali e sull’utilizzo delle risorse pubbliche che viene posta a garanzia delle libertà individuali e collettive, nonchè dei diritti civili, politici e sociali, inoltre integra il diritto ad una buona amministrazione per concorre alla realizzazione di un’amministrazione aperta, al servizio del cittadino.


Il decreto ai sensi dell’art. 11 si applica alle Pubbliche Amministrazioni, alle società partecipate dalle Pubbliche Amministrazioni ed alle società da esse controllate.


L’art. 9 introduce l’obbligo delle PA di creare sui propri siti istituzionali un’apposita sezione denominata “AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE” al cui interno sono contenuti i dati, le informazioni e i documenti pubblicati ai sensi della normativa vigente.


Inoltre la P.A. ha l’obbligo di pubblicare sul proprio sito istituzionale nella sezione “Amministrazione trasparente”:




  • il Programma triennale per la trasparenza e l’integrità ed il relativo stato di attuazione;

  • i nominativi ed i curricula dei componenti degli organismi indipendenti di valutazione di cui all’art. 14 del D.Lgs 150/2009;

  • - i curricula e i compensi dei soggetti di cui all’art.15, comma 1, nonchè i curricula dei titolari di posizioni organizzative, redatti in conformità al vigente modello europeo.


L’art.14 prescrive alle PA, per i titolari di INCARICHI POLITICI, di pubblicare entro tre mesi dalla elezione o dalla nomina i seguenti documenti ed informazioni: a) atto di nomina o di proclamazione; b) il curriculum; c) i compensi di qualsiasi natura connessi all’assunzione della carica; d) i dati relativi all’assunzione di altre cariche, presso enti pubblici o privati, ed i relativi compensi a qualsiasi titolo corrisposti; e)altri eventuali incarichi con oneri a carico della finanza pubblica e indicazione dei compensi; f) le dichiarazioni di cui all’art.2, della legge n.441/1982 e cioè una dichiarazione sui diritti concernenti beni immobili e mobili, le azioni di società, le quote di partecipazione a società, copia ultima dichiarazione dei redditi e dichiarazione su spese sostenute per propaganda elettorale.


Ci teniamo a fare presente che in base all’art. 47, comma 1 si prevede una specifica SANZIONE AMMINISTRATIVA PECUNIARIA che va da 500 a 10.000 euro a carico del responsabile della mancata comunicazione o incompleta comunicazione delle informazioni sopra elencate. Tali sanzioni si applicano per ciascuna amministrazione, a partire dalla data di adozione del primo aggiornamento annuale del Piano triennale della trasparenza e comunque a partire dal 17 ottobre 2013 (180 giorno sucessivo alla data dell’entrata in vigore del decreto).


L’art.43 introduce inoltre la figura del RESPONSABILE PER LA TRASPARENZA all’interno delle amministrazioni.


C H I E D I A M O


al Sindaco del comune di Rosà come si sta procedendo per adeguarsi al D.Lgs. 33/2013 visto che ad oggi non abbiamo ancora affrontato l’argomento in nessuna commissione o consiglio comunale e se al contrario si sta facendo qualcosa vorremmo sapere cosa visto che i termini per adeguarsi alla normativa stanno per scadere con sucessive sanzioni per chi non osserva la legge.


interpellanza d.lgs33:2013

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti gli animali sono uguali, ma alcuni sono più uguali degli altri

A seguito del Consiglio Comunale di Lunedì scorso, riprendiamo un celeberrimo motto da un romanzo dello scrittore Orwell , che con le sue opere ha saputo raccontare e criticare la realtà delle dittature . Perché? Perché la partecipazione al Consiglio Comunale è diventata ormai una farsa . Così come i maiali della " Fattoria degli Animali "  da buoni amministratori diventano col tempo degli spietati dittatori che reprimono qualsiasi dissenso, così la maggioranza rosatese tratta le opposizioni. La dignità e il rispetto sono continuamente calpestate e le minoranze sono praticamente derise, anche quando la maggioranza sa di essere in fallo. Dopotutto chi se ne accorge? Non sembra esserci molto interesse sui retroscena dell'amministrazione comunale, né da parte dei cittadini (così come le pecore del romanzo), né da chi potrebbe riportare al pubblico determinate questioni, risvegliando le coscienze. Ormai la cittadinanza è assuefatta dal meccanismo della delega , divenuta una

12 Maggio - "Non uno ma ben due guanti di sfida alle liste in corsa per le amministrative rosatesi"

Venerdì 12 Maggio p.v. ci sarà la presentazione del programma elettorale della lista pentastellata a cui tutta la cittadinanza rosatese è invitata. Precisa il candidato sindaco "Abbiamo voluto presentare il nostro programma un giorno prima della data ultima di presentazione ufficiale delle liste, appunto per lanciare un guanto di sfida. La sfida è sui temi, sui contenuti che ogni lista deve portare alla cittadinanza. Già 5 anni fa si è fatto il gioco del tira e molla tra liste per stabilire chi diceva meglio lo stesso identico punto del programma. Questa volta vogliamo essere noi a dire agli altri, copiateci , ne saremmo onorati". E con il guanto ancora in mano, il laureato alla Ca' Foscari Stragliotto "Con la serata di Venerdì, vogliamo dire a tutti i rosatesi: se ci darete la possibilità noi possiamo realizzare tutti questi punti e guardate che lo faremo sul serio! " afferma sorridendo il candidato sindaco grillino. Inoltre, nella serata sarà p

Il TAR si è pronunciato: Il comune di Rosà è tenuto a risarcire

Un importante progetto ne è andato di mezzo, l' illuminazione pubblica . Siamo ad un nuovo capitolo di un caso che forse tanto isolato non è. Il Comune di Rosà dopo aver aperto un bando di gara e ricevuto le varie proposte ha pensato di accettare un cambiamento del preventivo all'ultimo momento. E indovinate chi ha vinto la gara? Avete capito giusto, proprio questa fortunata azienda F.lli Carollo Srl. Dopo essersi vista approvare il preventivo, hanno pensato di innalzarlo per giusta causa da 549.266 euro a 715.864 euro, violando il principio di immodificabilità dell’offerta e della par condicio tra i partecipanti. Il TAR di Venezia ha accolto il ricorso della seconda ditta classificata e ha condannato il Comune e Flli Carollo a pagare le spese processuali annullando tutti gli atti di gara . Questa sentenza non può passare inosservata! Visto il “modus operandi” dobbiamo preoccuparci anche per gli altri appalti e subappalti che il Comune sta facendo? Il M5S di Rosá è vig