Passa ai contenuti principali

Incontro con Sergio Los

Nella serata del 14 novembre il tema da cui si sono fatti partire una serie di pensieri, idee, discussioni, condivisioni e dubbi, è stato la “Comunità consapevole”.


Sergio Los, architetto e presentatore della serata, prima di incominciare a presentare l’introduzione, ha espresso in maniera chiara che ciò a cui tiene molto è il dare lo spazio ai presenti nell’esprimere la propria visione e, che quindi non  vi sia una “lezione “ frontale e passiva, ma ci sia una partecipazione attiva, fatta di domande e osservazioni.


Egli sostiene che ognuno di noi vive nelle proprie attività politiche e che queste sono all’interno di una democrazia aggregativa, ossia quella che consente al popolo di esprimere una preferenza. Le preferenze dello stesso tipo, poi, si aggregano e chi ne ha accumulato il numero maggiore, sale al governo.


Tuttavia, da quasi trenta anni c’è stata una strana convergenza della democrazia aggregativa con quella deliberativa; quest’ultima si basa sul proceduralismo, ovvero gli individui stabiliscono le finalità e le modalità per raggiungere a queste, rispettando delle procedure.


Secondo Sergio Los, in Italia non vi è democrazia deliberativa, poiché esse presuppone un forte capitale sociale, che nel nostro paese pur essendo presente non è potenziato.


Vi sono due ragioni per cui l’Italia ha molto capitale sociale: la prima è che abbiamo alle spalle una lunga tradizione civica e la seconda riprende la teoria sostenuta dal sociologo tedesco Max Weber, nella quale l’Europa era divisa in due fazioni, l’Europa della controriforma e l’Europa della Riforma protestante.


Un grosso problema per Los è che noi siamo colonizzati dalla modernità e abbiamo il timore di non essere sufficientemente avanzati; ed ecco che allora cerchiamo in tutti i modi di rincorrere valori e modelli che sono proposti da altri paese, come l’Inghilterra, Stati Uniti, Germania.


E così ci si allontana sempre più da quello che invece è realmente l’Italia: un paese composto da città e da persone. L’immagine delle città come luogo di discussione e condivisione si affievolisce e la maggior parte dei politici non fa nulla per incoraggiarla, ma stanno piuttosto a consumare tutte le energie per la ricerca di una strategia efficace a sconfiggere l’opposizione. Nella democrazia rappresentativa la nascita dei partiti ha comportato un vero disastro, poiché essi nascono dall’antagonismo e non propensi all’argomentazione e al trovare una soluzione comune. L’antagonismo è la negazione della discussione, che invece è sollecitata dalla democrazia deliberativa.


Inoltre per Sergio Los, la discussione presuppone una condivisione di linguaggio, non solo verbale ma anche quello delle figure: la città e l’architettura esprimono dei contenuti. E spesso non sono gli esperti a capire ciò che le figure esprimono, ma sono le persone che ci vivono, che sono sempre a contatto.


Ecco perché è importante secondo Los, concepire le città come punti di incontro, di condivisione, luoghi di discussione, in cui si trovano soluzioni  insieme; riprendere le attività locali per ritrovare in esse uno stato di felicità, per avere un controllo diretto e per vivere senz’altro in modo più sano e più genuino. Contrastando così, allo stesso tempo, le direttive tipiche della società industrializzata: competizione sfrenata, individualismo, profitto individuale, corsa inarrestabile verso un modello che è proposto dall’esterno.


Ci sono momenti che ci chiediamo cosa ci farebbe più felici, focalizzando l’attenzione su cose molto lontane, spesso irraggiungibili o in altri casi, una volta conquistate, non ci bastano.


Ma, forse non dovremo guardare più vicino?


Valentina Liviero - Movimento 5 Stelle Rosà

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti gli animali sono uguali, ma alcuni sono più uguali degli altri

A seguito del Consiglio Comunale di Lunedì scorso, riprendiamo un celeberrimo motto da un romanzo dello scrittore Orwell , che con le sue opere ha saputo raccontare e criticare la realtà delle dittature . Perché? Perché la partecipazione al Consiglio Comunale è diventata ormai una farsa . Così come i maiali della " Fattoria degli Animali "  da buoni amministratori diventano col tempo degli spietati dittatori che reprimono qualsiasi dissenso, così la maggioranza rosatese tratta le opposizioni. La dignità e il rispetto sono continuamente calpestate e le minoranze sono praticamente derise, anche quando la maggioranza sa di essere in fallo. Dopotutto chi se ne accorge? Non sembra esserci molto interesse sui retroscena dell'amministrazione comunale, né da parte dei cittadini (così come le pecore del romanzo), né da chi potrebbe riportare al pubblico determinate questioni, risvegliando le coscienze. Ormai la cittadinanza è assuefatta dal meccanismo della delega , divenuta una

Il TAR si è pronunciato: Il comune di Rosà è tenuto a risarcire

Un importante progetto ne è andato di mezzo, l' illuminazione pubblica . Siamo ad un nuovo capitolo di un caso che forse tanto isolato non è. Il Comune di Rosà dopo aver aperto un bando di gara e ricevuto le varie proposte ha pensato di accettare un cambiamento del preventivo all'ultimo momento. E indovinate chi ha vinto la gara? Avete capito giusto, proprio questa fortunata azienda F.lli Carollo Srl. Dopo essersi vista approvare il preventivo, hanno pensato di innalzarlo per giusta causa da 549.266 euro a 715.864 euro, violando il principio di immodificabilità dell’offerta e della par condicio tra i partecipanti. Il TAR di Venezia ha accolto il ricorso della seconda ditta classificata e ha condannato il Comune e Flli Carollo a pagare le spese processuali annullando tutti gli atti di gara . Questa sentenza non può passare inosservata! Visto il “modus operandi” dobbiamo preoccuparci anche per gli altri appalti e subappalti che il Comune sta facendo? Il M5S di Rosá è vig

Tutto in regola dunque?

In merito alla sentenza del Tar riguardante l'assegnazione dei lavori di adeguamento dell'illuminazione di Rosá che ha dichiarato inammissibile l'offerta presentata dalla F.lli Carollo perché ritenuta non congrua, avremo bisogno di qualche ulteriore chiarimento da parte del Sindaco dopo le sue dichiarazioni. 1) Come ha fatto la commissione di gara a permettere quanto accaduto? Citando testualmente dalla sentenza TAR: ... in occasione dei chiarimenti resi nell’ambito del sub-procedimento di verifica dell’anomalia dell’offerta, un inammissibile taglio ex post dei prezzi complessivamente proposti per ciascuna delle tre liste di lavori (per un totale pari ad euro 715.864,00, come risultante dalla sommatoria degli importi riportati per ciascuna lista), andando così a modificare tutti i prezzi unitari originariamente offerti, al fine di raggiungere e dunque giustificare l’importo complessivo di € 549.266,00 di cui alla predetta dichiarazione riepilogativa. 2) Come ha provvedut