Passa ai contenuti principali

Progetto Campus delle Rose

Da alcuni anni si parla anche nel nostro territorio della possibilità di realizzare un istituto scolastico che soddisfi le esigenze delle diverse frazioni del nostro comune, e ponga nel contempo una particolare attenzione alla flessibilità e personalizzazione di gruppi omogenei di studenti.


L'attuale amministrazione ritiene di perseguire l’obiettivo di cui sopra, con il progetto del nuovo plesso unico. Noi riteniamo che quest’ultimo, andrá a soddisfare (in parte) le esigenze di pochi cittadini, sia per la posizione prevista (non centrale al paese) nonché per i costi da sostenere che, crediamo, lascerebbero pochissime risorse da destinare all'ammodernamento delle altre scuole di Rosà.


Tutto questo creerà, a nostro avviso, un ulteriore debito nelle casse comunali che ricadrà sottoforma di carenza nei servizi e, in definitiva, una non soluzione al problema. Inoltre grande rilievo si dovrebbe dare all’ educazione fisica, consentendo all’allievo di seguire un percorso integrato, che lo accompagni dall’asilo all’università sulla base del modello anglosassone. Quest’ultimo, assomiglia al nostro ideale di scuola, offrendo la possibilità ai ragazzi di socializzare e praticare sport in un tuttuno con lo studio.


Non và dimenticato però che la scuola va progettata anche per dare supporto alle famiglie permettendo, a seconda delle necessità, che i nostri figli abbiano uno spazio in cui poter rimanere ed essere seguiti, anche durante l’intero arco del giorno. Occorre quindi dotare la struttura di quei servizi essenziali che possano prestarsi allo scopo: una mensa interna, attrezzature sportive ecc., contestualmente ad una flessibilità di entrata ed uscita.


Nel nostro territorio esiste una struttura che potrebbe adattarsi perfettamente a queste caratteristiche di insegnamento e di servizio: il complesso di via Segafredo (ex Seminarietto) oggi scuola privata Eis-English International School, all’interno del quale troviamo impianti quali  piscina e palasport.


Per avviare tale scuola non servirebbero ingenti programmi finanziari (vedi project financing, paternariato o il leasing costruendo) , ma basterebbe affidare tali spazi all’istituto comprensivo pubblico di Rosà.


Fare una scuola a misura di bambino è un vantaggio per tutta la comunità, è il migliore sistema per far crescere assieme i ragazzi, tenerli impegnati, farli socializzare in luoghi e strutture sicuri anche nei periodi dove l’attività di studio è sospesa.


Parallelamente a questo progetto, si potrebbe pensare ad una polisportiva nella quale i ragazzi possano praticare attività sportive nell’arco dell’anno a prezzi contenuti. Poter scegliere “ toccando con mano “ tra varie discipline sportive, significa permettere ai ragazzi di fare scelte consapevoli aiutati da insegnanti di educazione fisica (scienze motorie) contrastando così l’abbandono delle attività sportive spesso conseguenza di disagio economico .


Sarebbe peraltro interessante, realizzare una rete di piste ciclabili che colleghino tale complesso scolastico sportivo a varie zone di Rosá, per non precludere a nessuno la possibilità di accedere a tale struttura. L’altro grande vantaggio è la vicinanza alla stazione ferroviaria,che renderebbe appetibile la struttura anche a  studenti e sportivi del comprensorio, garantendo così una gestione attiva della struttura stessa (vedi i fallimenti di struture simili a San Giuseppe e Rossano Veneto).


Per tutti questi motivi proponiamo a questa Amministrazione di attivare il Campus delle Rose (istituto scolastico e polisportiva), offrendo tutta la nostra collaborazione per il raggiungimento di tale obiettivo.


Movimento 5 Stelle Rosà


 

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti gli animali sono uguali, ma alcuni sono più uguali degli altri

A seguito del Consiglio Comunale di Lunedì scorso, riprendiamo un celeberrimo motto da un romanzo dello scrittore Orwell , che con le sue opere ha saputo raccontare e criticare la realtà delle dittature . Perché? Perché la partecipazione al Consiglio Comunale è diventata ormai una farsa . Così come i maiali della " Fattoria degli Animali "  da buoni amministratori diventano col tempo degli spietati dittatori che reprimono qualsiasi dissenso, così la maggioranza rosatese tratta le opposizioni. La dignità e il rispetto sono continuamente calpestate e le minoranze sono praticamente derise, anche quando la maggioranza sa di essere in fallo. Dopotutto chi se ne accorge? Non sembra esserci molto interesse sui retroscena dell'amministrazione comunale, né da parte dei cittadini (così come le pecore del romanzo), né da chi potrebbe riportare al pubblico determinate questioni, risvegliando le coscienze. Ormai la cittadinanza è assuefatta dal meccanismo della delega , divenuta una

Il TAR si è pronunciato: Il comune di Rosà è tenuto a risarcire

Un importante progetto ne è andato di mezzo, l' illuminazione pubblica . Siamo ad un nuovo capitolo di un caso che forse tanto isolato non è. Il Comune di Rosà dopo aver aperto un bando di gara e ricevuto le varie proposte ha pensato di accettare un cambiamento del preventivo all'ultimo momento. E indovinate chi ha vinto la gara? Avete capito giusto, proprio questa fortunata azienda F.lli Carollo Srl. Dopo essersi vista approvare il preventivo, hanno pensato di innalzarlo per giusta causa da 549.266 euro a 715.864 euro, violando il principio di immodificabilità dell’offerta e della par condicio tra i partecipanti. Il TAR di Venezia ha accolto il ricorso della seconda ditta classificata e ha condannato il Comune e Flli Carollo a pagare le spese processuali annullando tutti gli atti di gara . Questa sentenza non può passare inosservata! Visto il “modus operandi” dobbiamo preoccuparci anche per gli altri appalti e subappalti che il Comune sta facendo? Il M5S di Rosá è vig

12 Maggio - "Non uno ma ben due guanti di sfida alle liste in corsa per le amministrative rosatesi"

Venerdì 12 Maggio p.v. ci sarà la presentazione del programma elettorale della lista pentastellata a cui tutta la cittadinanza rosatese è invitata. Precisa il candidato sindaco "Abbiamo voluto presentare il nostro programma un giorno prima della data ultima di presentazione ufficiale delle liste, appunto per lanciare un guanto di sfida. La sfida è sui temi, sui contenuti che ogni lista deve portare alla cittadinanza. Già 5 anni fa si è fatto il gioco del tira e molla tra liste per stabilire chi diceva meglio lo stesso identico punto del programma. Questa volta vogliamo essere noi a dire agli altri, copiateci , ne saremmo onorati". E con il guanto ancora in mano, il laureato alla Ca' Foscari Stragliotto "Con la serata di Venerdì, vogliamo dire a tutti i rosatesi: se ci darete la possibilità noi possiamo realizzare tutti questi punti e guardate che lo faremo sul serio! " afferma sorridendo il candidato sindaco grillino. Inoltre, nella serata sarà p