Passa ai contenuti principali

Per un 2014 all'insegna del cambiamento!

Il 2013 sta per finire, e come vuole la tradizione, è tempo di riflessioni nonché' di buoni auspici per l'anno che verrá. Noi del Movimento 5 Stelle di Rosá abbiamo sempre avuto come obiettivo principale della nostra azione ( dentro e fuori il comune ) la partecipazione, che abbiamo costantemente promosso con le nostre riunioni settimanali ( aperte alla cittadinanza ), nonché' con le nostre proposte all'interno del Consiglio Comunale.


Sappiamo che questo periodo di crisi sta mettendo a dura prova famiglie e imprese, ma siamo convinti che nel 2014 avremo la possibilitá di scegliere quale strada percorrere per risollevarci e ricominciare nel migliore dei modi. L'anno che sta per finire ha confermato il fallimento di un sistema politico; un ventennio fortemente caratterizzato da forme di corruzione, privilegi, rendite di posizione (parassitarie), disprezzo del bene comune, disinteresse verso la politica e arricchimento di pochi contro i tanti ( troppi ) che vivono al limite della povertá. Ecco, il cambiamento è fatto anche di scelte, e noi scegliamo la partecipazione. Senza la democrazia non vi può essere alcuna ripresa economica e tantomeno un miglioramento delle condizioni economiche della maggior parte dei cittadini. La democrazia è, lo spesso dimenticato, fondamento della nostra società. Crediamo che solo unendo tutte le forze e diventando dei cittadini attivi si possa essere quel cambiamento che desideriamo per il nostro paese. Vogliamo partire dalle piccole cose, partire da Rosá, e a tal proposito abbiamo presentato una mozione sul Bilancio Partecipativo, che verrá discussa nel prossimo Consiglio Comunale.


Il bilancio partecipativo o partecipato, è una forma di partecipazione diretta dei cittadini alla vita politica della propria città (democrazia diretta) consistente nell'assegnare una quota di bilancio dell'ente locale alla gestione dei cittadini, che vengono così messi in grado di interagire e dialogare con le amministrazioni, a proprio beneficio.


L'esperienza più celebre di bilancio partecipativo si è avuta in Brasile nella città' di Porto Alegre ( 1,3 milioni di abitanti ) a partire dal 1989; il fine era quello di permettere ai cittadini di relazionarsi attivamente per lo sviluppo e l'elaborazione della politica municipale.


La partecipazione si realizza innanzitutto su base territoriale: la città viene suddivisa in circoscrizioni o quartieri. Nel corso di incontri pubblici (che possono avere forma fisica o virtuale, ed una gamma di diversi gradi di inclusività e rappresentatività, dall'assemblea alla giuria di cittadini estratti a sorte) la popolazione di ciascuna circoscrizione,o quartiere, è invitata a precisare i propri bisogni ed a stabilire delle priorità in vari campi o settori ( governo del territorio, ambiente, educazione, salute...). A questo si aggiunge talvolta una partecipazione complementare organizzata su base tematica attraverso il coinvolgimento di categorie professionali o lavorative (sindacati, imprenditori, studenti..); ciò permette  una visione più completa della città, attraverso il coinvolgimento dei suoi  principali attori. L'ente locale di riferimento, Municipalità o Comune, è presente a tutte le riunioni circoscrizionali e tematiche, delegando un proprio rappresentante a fornire informazioni tecniche, legali e finanziarie, necessarie alla formalizzazione delle decisioni e all'avvio di una fase di negoziazione delle proposte emerse, senza peraltro influenzare, o prevaricare, le decisioni dei partecipanti.


Alla fine ogni gruppo territoriale o tematico, presentera' le priorità all'Ufficio competente, che si occuperà' di stilare un progetto di bilancio sulla base di quanto emerso. Si passerà infine per l’approvazione in Consiglio Comunale e, nel corso dell'anno seguente, la cittadinanza valutera' ( con opportune riunioni od assemblee ) la realizzazione delle opere.


Solitamente le amministrazioni comunali, visti anche i vincoli di bilancio a cui sono tenute per legge, riconoscono alle proposte avanzate dai gruppi di cittadini la possibilità di incidere nel bilancio stesso per una certa quota percentuale: nel caso di Porto Alegre si è partiti dal 10% fino ad arrivare gradualmente al 25%.


Tutti dovremmo poter essere protagonisti delle scelte a vari livelli: comune, regione, nazione. Noi cominciamo da qui, dalla nostra Rosá con la speranza che questa nostra proposta venga accolta in modo positivo dal Consiglio Comunale.


Il nostro miglior augurio di un Buon Natale e di un 2014 in movimento con noi!



MOVIMENTO 5 STELLE ROSA'


www.rosa5stelle.it


 

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti gli animali sono uguali, ma alcuni sono più uguali degli altri

A seguito del Consiglio Comunale di Lunedì scorso, riprendiamo un celeberrimo motto da un romanzo dello scrittore Orwell , che con le sue opere ha saputo raccontare e criticare la realtà delle dittature . Perché? Perché la partecipazione al Consiglio Comunale è diventata ormai una farsa . Così come i maiali della " Fattoria degli Animali "  da buoni amministratori diventano col tempo degli spietati dittatori che reprimono qualsiasi dissenso, così la maggioranza rosatese tratta le opposizioni. La dignità e il rispetto sono continuamente calpestate e le minoranze sono praticamente derise, anche quando la maggioranza sa di essere in fallo. Dopotutto chi se ne accorge? Non sembra esserci molto interesse sui retroscena dell'amministrazione comunale, né da parte dei cittadini (così come le pecore del romanzo), né da chi potrebbe riportare al pubblico determinate questioni, risvegliando le coscienze. Ormai la cittadinanza è assuefatta dal meccanismo della delega , divenuta una

Il TAR si è pronunciato: Il comune di Rosà è tenuto a risarcire

Un importante progetto ne è andato di mezzo, l' illuminazione pubblica . Siamo ad un nuovo capitolo di un caso che forse tanto isolato non è. Il Comune di Rosà dopo aver aperto un bando di gara e ricevuto le varie proposte ha pensato di accettare un cambiamento del preventivo all'ultimo momento. E indovinate chi ha vinto la gara? Avete capito giusto, proprio questa fortunata azienda F.lli Carollo Srl. Dopo essersi vista approvare il preventivo, hanno pensato di innalzarlo per giusta causa da 549.266 euro a 715.864 euro, violando il principio di immodificabilità dell’offerta e della par condicio tra i partecipanti. Il TAR di Venezia ha accolto il ricorso della seconda ditta classificata e ha condannato il Comune e Flli Carollo a pagare le spese processuali annullando tutti gli atti di gara . Questa sentenza non può passare inosservata! Visto il “modus operandi” dobbiamo preoccuparci anche per gli altri appalti e subappalti che il Comune sta facendo? Il M5S di Rosá è vig

Tutto in regola dunque?

In merito alla sentenza del Tar riguardante l'assegnazione dei lavori di adeguamento dell'illuminazione di Rosá che ha dichiarato inammissibile l'offerta presentata dalla F.lli Carollo perché ritenuta non congrua, avremo bisogno di qualche ulteriore chiarimento da parte del Sindaco dopo le sue dichiarazioni. 1) Come ha fatto la commissione di gara a permettere quanto accaduto? Citando testualmente dalla sentenza TAR: ... in occasione dei chiarimenti resi nell’ambito del sub-procedimento di verifica dell’anomalia dell’offerta, un inammissibile taglio ex post dei prezzi complessivamente proposti per ciascuna delle tre liste di lavori (per un totale pari ad euro 715.864,00, come risultante dalla sommatoria degli importi riportati per ciascuna lista), andando così a modificare tutti i prezzi unitari originariamente offerti, al fine di raggiungere e dunque giustificare l’importo complessivo di € 549.266,00 di cui alla predetta dichiarazione riepilogativa. 2) Come ha provvedut