Passa ai contenuti principali

Consiglio Comunale 18/1/2014: assegnazione pernio "Città di Rosà"

Intervento in consiglio:

Non vogliamo assolutamente rovinare questo momento di festa per la nostra comunità ma riteniamo necessario fare una riflessione con voi che servirà a motivare la nostra dichiarazione di voto.


Si parla tanto della disaffezione dei cittadini alla politica vista ormai come una attività dove “altri”  prendono decisioni in funzione di interessi spesso poco chiari.


Siamo convinti che l’unico modo per riportare i cittadini alla Politica (la P maiuscola non è casuale) stia in una grande operazione culturale che faccia prendere coscienza gli italiani del fatto che devono uscire da uno stato di sudditanza demotivante e rassegnata per passare ad un maturo ruolo di cittadino che riprende in mano il suo futuro grazie alla democrazia diretta intesa come insieme di strumenti per interagire con l’amministrazione pubblica.


Per fare questo bisogna cominciare a parlare di convivenza civile e di partecipazione sociale.


E’ evidente la necessità di imparare a dialogare.
Vivere con altri che la pensano come noi o in modo differente è qualcosa che si impara, che richiede un apprendimento, una pratica, e proprio questo spesso si dimentica.
Saper ascoltare, saper dare la parola, saper vincere, saper perdere, saper perdonare, saper rispettare quelli che sono uguali a noi e quelli che non sono tanto uguali, oltre che naturalmente rispettare noi stessi, saper accettare i motivi, le attitudini, gli obiettivi e i sentimenti degli altri, saper condividere mete, sono tutti passi sulla via dell’imparare a convivere, a vivere con altri, che è la questione centrale in un’educazione alla vita civica in una società democratica.
Questo panorama mette in evidenza la necessità di adottare una educazione alla vita civica a tutti i livelli, della quale l’educazione alla partecipazione è il nucleo centrale, dato che la democrazia è direttamente legata alla partecipazione.


Ci si può chiedere: che cosa significa partecipare?
Partecipare, secondo la definizione del dizionario, consiste nell’“aver parte in una cosa o toccargli un po’ di essa”.
Etimologicamente ha un riferimento al latino participare: un significato attivo del verbo - “prendere parte” - e un significato causativo - “far prendere parte” - che completerebbe l’azione di dare con quella di ricevere nella partecipazione.
Si disegna così un’altra accezione che è quella di “far parte, dare notizia, comunicare”.
Si deve far notare che la nozione di comune è implicita nei due significati fondamentali della partecipazione: il risultato della partecipazione è, in definitiva, “avere qualcosa in comune”.
Se ciò che chiamiamo comunità sorge dall’unione di quelli che hanno qualcosa in comune, la partecipazione risulta essere una dimensione inseparabile della comunità.



Ecco perché quando siamo stati chiamati in commissione e ci è stato chiesto di fare dei nomi per l’assegnazione di questo premio non ne abbiamo fatti. Siamo convinti che proprio in nome di quel cambiamento culturale a cui auspichiamo uno dei suoi principali promotori debba essere il comune con tutte le sue iniziative e regolamenti. Apprezziamo l’apertura del Sindaco che si è impegnato per il prossimo anno a rivedere il regolamento per l’assegnazione del premio “Città di Rosà” cercando di trovare la formula giusta per permettere ai cittadini/associazioni di proporre le candidature al premio.


Concludiamo, vista la festa del nostro patrono San Antonio Abate, citando un detto popolare nel quale si invoca il santo che dice “sant'Antonio pieno di virtù fammi trovare quel che ho perso”....


Discorso in consiglio

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti gli animali sono uguali, ma alcuni sono più uguali degli altri

A seguito del Consiglio Comunale di Lunedì scorso, riprendiamo un celeberrimo motto da un romanzo dello scrittore Orwell , che con le sue opere ha saputo raccontare e criticare la realtà delle dittature . Perché? Perché la partecipazione al Consiglio Comunale è diventata ormai una farsa . Così come i maiali della " Fattoria degli Animali "  da buoni amministratori diventano col tempo degli spietati dittatori che reprimono qualsiasi dissenso, così la maggioranza rosatese tratta le opposizioni. La dignità e il rispetto sono continuamente calpestate e le minoranze sono praticamente derise, anche quando la maggioranza sa di essere in fallo. Dopotutto chi se ne accorge? Non sembra esserci molto interesse sui retroscena dell'amministrazione comunale, né da parte dei cittadini (così come le pecore del romanzo), né da chi potrebbe riportare al pubblico determinate questioni, risvegliando le coscienze. Ormai la cittadinanza è assuefatta dal meccanismo della delega , divenuta una

Il TAR si è pronunciato: Il comune di Rosà è tenuto a risarcire

Un importante progetto ne è andato di mezzo, l' illuminazione pubblica . Siamo ad un nuovo capitolo di un caso che forse tanto isolato non è. Il Comune di Rosà dopo aver aperto un bando di gara e ricevuto le varie proposte ha pensato di accettare un cambiamento del preventivo all'ultimo momento. E indovinate chi ha vinto la gara? Avete capito giusto, proprio questa fortunata azienda F.lli Carollo Srl. Dopo essersi vista approvare il preventivo, hanno pensato di innalzarlo per giusta causa da 549.266 euro a 715.864 euro, violando il principio di immodificabilità dell’offerta e della par condicio tra i partecipanti. Il TAR di Venezia ha accolto il ricorso della seconda ditta classificata e ha condannato il Comune e Flli Carollo a pagare le spese processuali annullando tutti gli atti di gara . Questa sentenza non può passare inosservata! Visto il “modus operandi” dobbiamo preoccuparci anche per gli altri appalti e subappalti che il Comune sta facendo? Il M5S di Rosá è vig

Tutto in regola dunque?

In merito alla sentenza del Tar riguardante l'assegnazione dei lavori di adeguamento dell'illuminazione di Rosá che ha dichiarato inammissibile l'offerta presentata dalla F.lli Carollo perché ritenuta non congrua, avremo bisogno di qualche ulteriore chiarimento da parte del Sindaco dopo le sue dichiarazioni. 1) Come ha fatto la commissione di gara a permettere quanto accaduto? Citando testualmente dalla sentenza TAR: ... in occasione dei chiarimenti resi nell’ambito del sub-procedimento di verifica dell’anomalia dell’offerta, un inammissibile taglio ex post dei prezzi complessivamente proposti per ciascuna delle tre liste di lavori (per un totale pari ad euro 715.864,00, come risultante dalla sommatoria degli importi riportati per ciascuna lista), andando così a modificare tutti i prezzi unitari originariamente offerti, al fine di raggiungere e dunque giustificare l’importo complessivo di € 549.266,00 di cui alla predetta dichiarazione riepilogativa. 2) Come ha provvedut