Passa ai contenuti principali

Ammettetelo! Vi piace essere presi per il .... poLO

Vi chiudono le Scuole Elementari di Cusinati e S. Pietro e vi raccontano la favola del… “pol..LO scolastico”…a Rosà! Vi raccontano la balla che dei privati regalano al comune un’area di 17.000 mq per costruire la nuova scuola Poi invece si vanno a leggere le carte firmate dal Sindaco e si scopre che trattasi non di regalo, ma di perequazione: in pratica il privato cede al comune alcuni terreni, in cambio il comune lascia lottizzare altri terreni… un più normale: “Se io do una cosa a te, poi tu dai una cosa a me !”…. altro che gratis ! Risultato di questo gioco di parole:


1) Cusinati e S. Pietro resteranno senza Scuola Elementare;


2) Rosà centro avrà 2 Scuole elementari a distanza di 300m una dall’altra;


3) Pochi privati faranno “fortuna”: il loro pezzo di terra da agricolo si trasformerà in edificabile;


4) e pazienza se… tanti dovranno fare dai 5 ai 10 Km andata e ritorno per portare i loro ragazzi a Scuola;


5) e pazienza se tutti i residenti di Cusinati e San Pietro diventeranno periferiadormitorio senza servizi pubblici;


Premessa: il problema è che a Cusinati l’edificio scolastico non è più adatto ad ospitare i bambini, mentre a S. Pietro ci sono pochi bambini ( problema analogo ce l’ha anche S. Anna ) e per di più l’attuale edificio ha problemi di emissioni di gas Radon altamente cancerogeno. Soluzione proposta dalla stretta cerchia: creare un unico “Polo scolastico per Cusinati e S.Pietro”. In tal modo si risolverebbe sia il problema in premessa, in più, diminuirebbero le spese di gestione e manutenzione. È vero! Sia la premessa che la soluzione! Ma la presa in giro sta nel “come” e nel “dove” realizzare tale polo! E per evitare di farsi abbindolare è importante conoscere la storia. C’era una volta… l’allora Sindaco ed Onorevole Manuela Lanzarin che aveva deciso di costruire il “Polo scolastico per Cusinati e S. Pietro” più o meno a metà strada tra i due paesi e proprio nell’attuale sede dei capannoni adibiti ad allevamento di polli...correva l’anno 2011 ! La cosa sembrava avere un senso: risolvo il problema scuola ed elimino il problema puzza degli allevamenti ma, come spesso accade, il veleno è nella coda ! Alla presentazione del mega progetto, presso la Chiesetta antica di S. Pietro, del progetto…neppure l’ombra; in compenso viene comunicato che è già stato stipulato l’accordo con i proprietari dell’area Ramonda e che il costo preventivato dell’opera sarà di 6.000.000,00= di euro ! (e già la cosa, restando in argomento allevamenti di polli, PUZZA ! ) Non c’è alcun piano finanziario, si spara una cifra “spannometrica”. In Italia, come in Padania, si sa che un’opera pubblica inizia che costa X e finisce che costa esattamente il doppio…(quindi pensiamo già a 12 milioni di euro) e sfidiamo a dimostrare il contrario! Infatti ora ci dicono ( sempre gli stessi “spennatori di polli”) che l’opera non si può più fare… perché costerebbe 8.000.000,0= di euro (caspita neanche la prima pietra e i costi sono cresciuti di 2 milioni di euro… e dire che siamo in Padania). Ma restiamo ai primi 6 milioni di euro: alla domanda:“Dove li trova on. Lanzarin sto 6 milioncini ?” Risposta: una parte li mette il comune (quanto ? boh! solo per l’acquisto del terreno quasi 1 milione e mezzo) una parte ce li dà la Regione Veneto (quanto ? si diceva circa 1 milione e spiccioli) ed il resto cioè la parte più consistente ? I “polli sapienti” dicevano “Lei è in Parlamento, in un partito che è al governo con Silvio… ce ne porterà a casa una sagomata da Roma!” Eccome no ! Detto fatto ! In stazione stanno ancora aspettando il vagone di soldi…d’accordo i treni non sono mai in orario, ma sono passati 3 anni e della vagonata di soldi neanche l’ombra ! Sarà che avrà trovato un binario morto… ed allora “simsalabin” l’ormai ex onorevole estrae il coniglio dal cilindro… e lo chiama...“Leasing in costruendo” ! Perché farci mancare un termine anglosassone ? Tanto buona parte della gente italica e del “Popollo padano” manco lo conosce l’inglese. Cos’è sto “Leasing in costruendo” ? È il fratello padanizzato del “Project Financing” ! E che cos’è il “Project Financing” ? Ve lo spieghiamo in maniera commestibile: il comune non ha tutti i soldi per fare un’opera, arriva un privato che gli dice “Caro comune tu mi dai un po’ di soldi, io costruisco l’opera, poi te la cedo, e tu (comune) mi paghi l’affitto per tot anni, il tutto lo mettiamo nero su bianco con un bel contrattino blindatissimo… (casomai chi viene dopo si accorga che vi sto spennando e possa disdirlo). Come sempre il diavolo fa le pentole ma non i coperchi… infatti, scoperto questo giochetto del “Leasing in costruendo”, ed anche il piccolo particolare che nell’accordo di vendita dell’area non era indicato a chi spettasse la bonifica… ragion per cui sarebbe toccata al comune con un ulteriore aumento di costi che non era quantificabile (praticamente un salto nel buio… e senza paracadute)……il tutto è miseramente naufragato ! Com’era facilmente preventivabile ! Non potendo dire “Vabbè ragazzi, abbiamo scherzato, si, insomma… vi abbiamo preso un po’ per il… culo poLO” oppure “C’è chi aveva promesso il Ponte sullo stretto, potevamo non promettervi un supermega Polo scolastico con palestra? Ma per colpa di Roma ladrona…di vagoni ed anche la nostra incapacità di “fare i conti” ci ha portato a cambiare obbiettivo” oppure un più onesto “Non abbiamo i soldi per fare sta roba, per cui vediamo di fare qualcos’altro di più fattibile” macchè… le bugie sono come le ciliegie “una tira l’altra” quindi ecco la seguente: “Cari concittadini abbiamo trovato un privato che ci REGALA  ben 17.000 mq di terreno, così lì ( a Rosà centro ) ci facciamo il nuovo Polo scolastico per Cusinati e S. Pietro! e ci costerà solo 4.000.000,00= di euro” Evvai che culo ! vai col trenino “Pepepepepepepeeee Brigitte Bardot Bardot… Hai visto che bravi che sono sto amministratori ! Fermi tuttiii ! Le notizie buone non sono finite: dobbiamo pure farlo in fretta sennò perdiamo il contributo Regionale Corri… corri… in fretta in fretta “che no perdemmo i schei” Quindi il 23 Dicembre 2013 (persino 2 giorni prima di Natale… ma quanto bravi sono sti amministratori ) danno mandato al sindaco di accettare la donazione GRATUITA  del terreno ! Ehhhhh ? Ah scusate vi stavamo leggendo la favola !


La realtà: il 23/12/2013 il sindaco Bordignon unitamente al Vice Sindaco nonché membro del Consiglio di Sorveglianza del’Etra ed ex on. Lanzarin chiede ed ottiene il mandato di sottoscrivere l’impegno con i POCHI privati per l’acquisizione di 17.000 mq di terreno concedendo agli stessi l’edificabilità su altri 5.777 mq = PEREQUAZIONE il tutto non su un terreno tra Cusinati e S. Pietro ma “udite udite”… a ROSÀ CENTRO a ben 350 metri dalle scuole elementari di Rosà ! Ora, per chi non è un pollo, le parole hanno un senso: PEREQUAZIONE NON È UGUALE A GRATUITO e, soprattutto, se si guarda la cartina chiamare “Polo scolastico di Cusinati e S. Pietro” una scuola a 350 m dal centro di Rosà e come “chiamare corso di nuoto, il lavarsi nella propria vasca!” Insistono nel farCI passare per polli ! La realtà è semplicissima e sotto gli occhi di chi vuol vedere! Si chiudono le scuole di Cusinati e S. Pietro e si apre un distaccamento delle scuole elementari di Rosà Punto ! Qui prodest ? A chi conviene ? Di sicuro ai POCHI privati che, a fronte di una cessione di terreno agricolo, si vedono moltiplicare il valore dei terreni divenuti edificabili. Di sicuro, ci guadagnano anche quegli speculatori edilizi che non vedono l’ora di lottizzare quei terreni… e siccome a pensar male si fa peccato ma spesso ci si indovina… non sia mai che Voi maliziosi lettori pensiate che dietro ci sono sempre i soliti… speculatori ! Perché questo succede solamente fuori dalla Padania e noi, invece, siamo dentro alla Padania… mani, piedi, o meglio, zampe, ali… e piume ! Altrimenti non si capisce come mai analoga soluzione (PEREQUAZIONE) non sia stata proposta a qualche proprietario di terreni che stanno tra S. Pietro e Cusinati… Un sospetto sorge spontaneo: maaa non è che magari si USA il pretesto del Polo scolastico per far cambiamenti di destinazione d’uso di terreni per farci lottizzazioni… e intanto il problema scuole resta irrisolto ? Sempre per la regola famosa.. se vi dicono che un’opera pubblica costa X, sicuramente costerà il doppio… vogliamo scommettere che, se mai la faranno, ne costerà 8 milioni? L’unica certezza è chi pagherà. Ma ciò che non si sa è quanto si pagherà… Questi amministratori confondono questo cemento con il cemento delle lottizzazioni ! Case e cappannoni ! come se non ce ne fossero già abbastanza… siamo solo noi quelli che vedono dapertutto cartelli affittasivendesi? Togliendo le scuole, si corre il rischio di far diventare Cusinati e S. Pietro dei mega quartieri, tipo grande città, in cui non si conosce neppure quello dello stesso pianerottolo. Miope chi sottovaluta questo fattore Le nuove coppie con figli preferiranno abitare i luoghi vicino ai servizi come le scuole e non… “in mezzo al brecane” dove c’è una Chiesa e nient’altro ! E tutto ciò solo per interesse di POCHI ! Gli abitanti di Cusinati e S. Pietro sono forse figli di un Dio minore ? Pagano meno tasse degli altri ? Non facciamoci prendere per il… Questa Lega ti frega !


La nostra posizione


"Si Amministra grazie ai cittadini, per i cittadini e, soprattutto, con i cittadini ! Non si Amministra nonostante i cittadini ! Se non si ha nulla da nascondere, perché non chiedere il loro parere su un’opera che avrà ripercussioni sul loro futuro ? È forse peccato sentire la loro opinione ? Si pensa a loro solo poco prima delle elezioni poi diventano sudditi ! A noi interessa cosa pensano ! Abbiamo presentato una mozione sul Bilancio partecipativo affinché siano anche i cittadini che propongono come spendere i propri soldi perché: Democrazia è partecipazione ! Ma questa Amministrazione Comunale ha paura dell’opinione dei cittadini !"


Movimento 5 Stelle Rosà

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti gli animali sono uguali, ma alcuni sono più uguali degli altri

A seguito del Consiglio Comunale di Lunedì scorso, riprendiamo un celeberrimo motto da un romanzo dello scrittore Orwell , che con le sue opere ha saputo raccontare e criticare la realtà delle dittature . Perché? Perché la partecipazione al Consiglio Comunale è diventata ormai una farsa . Così come i maiali della " Fattoria degli Animali "  da buoni amministratori diventano col tempo degli spietati dittatori che reprimono qualsiasi dissenso, così la maggioranza rosatese tratta le opposizioni. La dignità e il rispetto sono continuamente calpestate e le minoranze sono praticamente derise, anche quando la maggioranza sa di essere in fallo. Dopotutto chi se ne accorge? Non sembra esserci molto interesse sui retroscena dell'amministrazione comunale, né da parte dei cittadini (così come le pecore del romanzo), né da chi potrebbe riportare al pubblico determinate questioni, risvegliando le coscienze. Ormai la cittadinanza è assuefatta dal meccanismo della delega , divenuta una

Il TAR si è pronunciato: Il comune di Rosà è tenuto a risarcire

Un importante progetto ne è andato di mezzo, l' illuminazione pubblica . Siamo ad un nuovo capitolo di un caso che forse tanto isolato non è. Il Comune di Rosà dopo aver aperto un bando di gara e ricevuto le varie proposte ha pensato di accettare un cambiamento del preventivo all'ultimo momento. E indovinate chi ha vinto la gara? Avete capito giusto, proprio questa fortunata azienda F.lli Carollo Srl. Dopo essersi vista approvare il preventivo, hanno pensato di innalzarlo per giusta causa da 549.266 euro a 715.864 euro, violando il principio di immodificabilità dell’offerta e della par condicio tra i partecipanti. Il TAR di Venezia ha accolto il ricorso della seconda ditta classificata e ha condannato il Comune e Flli Carollo a pagare le spese processuali annullando tutti gli atti di gara . Questa sentenza non può passare inosservata! Visto il “modus operandi” dobbiamo preoccuparci anche per gli altri appalti e subappalti che il Comune sta facendo? Il M5S di Rosá è vig

Tutto in regola dunque?

In merito alla sentenza del Tar riguardante l'assegnazione dei lavori di adeguamento dell'illuminazione di Rosá che ha dichiarato inammissibile l'offerta presentata dalla F.lli Carollo perché ritenuta non congrua, avremo bisogno di qualche ulteriore chiarimento da parte del Sindaco dopo le sue dichiarazioni. 1) Come ha fatto la commissione di gara a permettere quanto accaduto? Citando testualmente dalla sentenza TAR: ... in occasione dei chiarimenti resi nell’ambito del sub-procedimento di verifica dell’anomalia dell’offerta, un inammissibile taglio ex post dei prezzi complessivamente proposti per ciascuna delle tre liste di lavori (per un totale pari ad euro 715.864,00, come risultante dalla sommatoria degli importi riportati per ciascuna lista), andando così a modificare tutti i prezzi unitari originariamente offerti, al fine di raggiungere e dunque giustificare l’importo complessivo di € 549.266,00 di cui alla predetta dichiarazione riepilogativa. 2) Come ha provvedut