Passa ai contenuti principali

Premio oscaRosatese và a: “LA GRANDE COERENZA” !

Mai tante lacrime, al momento della lettura del “And the winner is… “ mai tante lacrime sono scese… negli occhi del Movimento 5 stelle di Rosà… ma non per l’oscar a “La grande bellezza” di Sorrentino più semplicemente in seguito alla lettura del comunicato della Lega Nord di Rosà in difesa del Presidente del Consiglio Natale Zonta. Questi nuovi “pierinolapeste-Grillini rosatesi” hanno osato… attaccare il “totem verde-padano” e l’attacco è stato di una… “Gravity” assoluta ! Non bastava premiare “12 anni schiavo” il film nero dell’ex ministro Kyenge  ! adesso ci si mettono pure questi ad attaccare il Premio Miglior attore non protagonista del film “La grande coerenza”! Nel comunicato stampa verde.. di rabbia, i padani rosatesi versano fiumi di inchiostro intrisi di dolore per l’attacco, inaudito, al ( citiamo testualmente ) ”esempio locale di coerenza” !


Si si avete letto bene ! “Esempio locale di coerenza” ??? COERENZA in Italiano significa: Che non contiene contraddizioni. D’accordo per i leghisti siamo in Padania e non in Italia ma è lecito chiedersi DOVE SIA la COERENZA di Zonta che vota a favore del Polo scolastico a “Rosà centro” e alcune settimane dopo firma la petizione CONTRO la sua stessa votazione ?


Da che parte sta Zonta ? ancora non l’abbiamo capito ? ed anche il comunicato della Lega Nord di Rosà non lo dice forse perché non l’abbiamo scritto in padano ed allora eccovi serviti:


“Zonta, ostrega, sito pa el Poeo a Rosà centro o sito pa fare a scoea tra san piero e cusinati dimeo parchè no ghemo capìo?” Questo è il punto !


Non nascondiamo che le lacrime sono sgorgate anche nel leggere che avremmo usato ”ingiurie personali e gratuite” e che come leghisti rosatesi “non possiamo tacere davanti agli insulti”…solo una domanda: DOVE abbiamo scritto ingiurie personali ? QUALI sono gli insulti ? Come scritto da Silvano Bordignon ( non certo un penta stellato ) su “Il Gazzettino”, abbiamo usato l’arma, assai più tagliente, dell’ironia e del sarcasmo perché l’episodio che vede protagonista Zonta è tragicomico ! Vota una cosa per poi firmare per il suo contrario ! E’ insultare affermare ciò ? A meno che, per evitare di rispondere alla domanda, non si voglia porre l’accento sulle proprie difficoltà di comprensione linguistica dell’italiano !


Ah già l’italiano ! …e magari il suo simbolo il tricolore!


Già perché i problemi di memoria non li ha solo Zonta ma anche la Lega Nord di Rosa e prima di scrivere che il Grillini hanno un “modo quanto mai becero di fare politica” dovrebbero prima ricordare che il loro leader leghista Umberto Bossi cosi si esprimeva a proposito del tricolore: quando vedo il tricolore mi incazzo. Il tricolore lo uso per pulirmi il culo” - 26 luglio 1997, durante un comizio a Cabiate (Como) e questo è un fulgido esempio di fare politica non ceto becerume !


ed ancora


“non si può assistere in silenzio a questo comportamento maleducato e dai tratti barbari” scrivono i leghisti rosatesi dando lezione di stile ai pentastellati… già perché il termine coniato dalla Lega Nord negli anni 90 ossia “Celodurismo” derivazione arbitraria della frase «la Lega ce l’ha duro», che è la tendenza ad assumere, nelle decisioni della politica, atteggiamenti di brutale radicalità e intransigenza, anche a costo di essere sboccati e volgari… non è ne maleducato ne barbaro… sic !


“Dov’è il rispetto per l’uomo ed il ruolo istituzionale che riveste?” scrivono nel loro comunicato il leghisti rosatesi !


Magari, pensiamo noi, il rispetto ce lo si guadagna NON copiando integralmente il discorso di insediamento a Presidente del Consiglio ( come ha fatto Zonta nei confronti del suo predecessore Antonio Vigo senza neppure degnarlo di una doverosa citazione… sempre a proposito di rispetto ! ). Il rispetto istituzionale lo si merita prendendo una posizione chiara, limpida e soprattutto COERENTE, magari impopolare, nei confronti del polo scolastico senza poi, di nascosto, per beceri tornaconti elettorali VENDERSI la coerenza con una firma ! Il rispetto istituzionale lo si ottiene anche ammettendo i propri errori e scusandosi !


“Aggredire tutto e tutti alimenta solo lo scontro in un momento storico in cui è necessario invece correggere la rotta”… così scrissero i Leghisti rosatesi a Marzo 2014… così dichiarava nell’Agosto del 2013 Umberto Bossi a Sarezzo (Brescia) ad alcuni militanti che contestavano l’abolizione delle province: “Una decisione che annulla l’identità di un popolo. Vuol dire non rispettare quello che c’è sul territorio. Per fortuna che in Valtrompia ancora si producono le armi, un giorno serviranno” E questa dichiarazione l’ha fatto non per trovare soluzioni alla crisi economica o ai problemi delle famiglie ma per… l’abolizione delle provincie !


ECCO APPUNTO correggete la rotta… padani !


Asciugate le lacrime… dalle risate, il movimento 5 stelle, nel ricordare che il “soldato a 5 stelle” non è un soldato ma il grado più elevato di ufficiale (General of the Army) dell’esercito più potente al mondo, che non è la guardia padana !,


CHIEDE


per l’ennesima volta: “Egregio Signor Presidente del Consiglio Comunale Natale Zonta è favorevole o no al Polo scolastico a “Rosà centro” ed alla conseguente chiusura delle scuole elementari di S. Pietro e Cusinati ?” ed in caso di risposta affermativa “Perchè ha firmato la petizione dei comitati contrari alla succitata ipotesi?


Chiedere è lecito, rispondere è cortesia e, per un rappresentante delle istituzione, è un dovere !


Movimento 5 Stelle Rosà

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti gli animali sono uguali, ma alcuni sono più uguali degli altri

A seguito del Consiglio Comunale di Lunedì scorso, riprendiamo un celeberrimo motto da un romanzo dello scrittore Orwell , che con le sue opere ha saputo raccontare e criticare la realtà delle dittature . Perché? Perché la partecipazione al Consiglio Comunale è diventata ormai una farsa . Così come i maiali della " Fattoria degli Animali "  da buoni amministratori diventano col tempo degli spietati dittatori che reprimono qualsiasi dissenso, così la maggioranza rosatese tratta le opposizioni. La dignità e il rispetto sono continuamente calpestate e le minoranze sono praticamente derise, anche quando la maggioranza sa di essere in fallo. Dopotutto chi se ne accorge? Non sembra esserci molto interesse sui retroscena dell'amministrazione comunale, né da parte dei cittadini (così come le pecore del romanzo), né da chi potrebbe riportare al pubblico determinate questioni, risvegliando le coscienze. Ormai la cittadinanza è assuefatta dal meccanismo della delega , divenuta una

Il TAR si è pronunciato: Il comune di Rosà è tenuto a risarcire

Un importante progetto ne è andato di mezzo, l' illuminazione pubblica . Siamo ad un nuovo capitolo di un caso che forse tanto isolato non è. Il Comune di Rosà dopo aver aperto un bando di gara e ricevuto le varie proposte ha pensato di accettare un cambiamento del preventivo all'ultimo momento. E indovinate chi ha vinto la gara? Avete capito giusto, proprio questa fortunata azienda F.lli Carollo Srl. Dopo essersi vista approvare il preventivo, hanno pensato di innalzarlo per giusta causa da 549.266 euro a 715.864 euro, violando il principio di immodificabilità dell’offerta e della par condicio tra i partecipanti. Il TAR di Venezia ha accolto il ricorso della seconda ditta classificata e ha condannato il Comune e Flli Carollo a pagare le spese processuali annullando tutti gli atti di gara . Questa sentenza non può passare inosservata! Visto il “modus operandi” dobbiamo preoccuparci anche per gli altri appalti e subappalti che il Comune sta facendo? Il M5S di Rosá è vig

Tutto in regola dunque?

In merito alla sentenza del Tar riguardante l'assegnazione dei lavori di adeguamento dell'illuminazione di Rosá che ha dichiarato inammissibile l'offerta presentata dalla F.lli Carollo perché ritenuta non congrua, avremo bisogno di qualche ulteriore chiarimento da parte del Sindaco dopo le sue dichiarazioni. 1) Come ha fatto la commissione di gara a permettere quanto accaduto? Citando testualmente dalla sentenza TAR: ... in occasione dei chiarimenti resi nell’ambito del sub-procedimento di verifica dell’anomalia dell’offerta, un inammissibile taglio ex post dei prezzi complessivamente proposti per ciascuna delle tre liste di lavori (per un totale pari ad euro 715.864,00, come risultante dalla sommatoria degli importi riportati per ciascuna lista), andando così a modificare tutti i prezzi unitari originariamente offerti, al fine di raggiungere e dunque giustificare l’importo complessivo di € 549.266,00 di cui alla predetta dichiarazione riepilogativa. 2) Come ha provvedut