Passa ai contenuti principali

Ferragosto senza noia

In riferimento alla risposta del vice Sindaco Lanzarin, ci teniamo a comunicare che attivisti, consiglieri e Parlamentari del M5S sono cittadini prestati alla politica che non vedono in essa un'opportunità per far carriera ma un modo per mettersi al servizio della società per un periodo di tempo determinato.

Difficile annoiarsi anche se è Agosto, in quanto i vari partiti (PD, PDL, LEGA, etc…), sia a livello nazionale sia a livello locale, ci danno un gran da fare con riforme costituzionali, avvio lavori pedemontana, nuova valsugana e ora la Valdastico.

Visto che veniamo accusati di "aizzare polemiche qualunquiste […] troppo spesso in antitesi a proposte concrete" vogliamo ricordare alcune proposte fatte dai nostri parlamentari.
restitutionday

  • Apertura IBAN IT61Z0100003245348018369300 a favore del microcredito per le piccole e medie imprese, in cui il M5S ha versato i 2,6 milioni di euro risparmiati nel periodo giugno-dicembre 2013 da stipendi, diarie ed indennità di carica dei parlamentari. E’ un conto su cui QUALUNQUE cittadino o organizzazione può effettuare versamenti a piacere. #apricontoPMI (capitolo n. 3693 del capo 18 del bilancio dello Stato)

  • Emendamento M5S su agevolazioni fiscali per le riqualificazioni degli edifici (link)

  • Il M5S chiede la chiusura di Equitalia (link)

  • Il M5S individua 120 miliardi di euro da dare subito a sostegno delle piccole e medie imprese italiane (17 maggio 2013, link, estratto: «Le Pmi producono circa il 60% del Pil e rappresentano il 98% delle imprese italiane. Mentre la politica di palazzo si concentra sulle priorità della Casta, noi ci prepariamo a presentare una proposta di legge per lo sblocco immediato dei circa 120 miliardi di euro che lo Stato e gli enti locali devono da anni alle imprese. Nella discussione parlamentare sul Dl "sblocca-debiti", il MoVimento ha fatto approvare un Ordine del giorno che di fatto impegna il governo a pagare tutti i debiti dello Stato, e non solo una parte, alle aziende e in particolare le Pmi.»)


1654326_10151844304237854_541390217_n

A livello locale, proprio in questi giorni, a Rosà abbiamo presentato una mozione per chiedere al Sindaco di fare richiesta per l'accesso 8x1000 all'edilizia scolastica. Il 10 Dicembre 2013 Francesco Cariello del M5S, componente della Commissione permanente V Bilancio e Tesoro, ha presentato in tale Commissione l'emendamento 1.1044 alla Legge di Stabilità 2014 rendendo quindi possibile destinare l'8x1000 all'edilizia scolastica, per i comuni che ne fanno richiesta (link).

Ritornando alla Valdastico e tante altre grandi opere venete, vogliamo ricordare alla Lanzarin che sono frutto del PTRC veneto approvato nel 2004 quando Galan era presidente della regione Veneto.

Leggendo la replica della buona Lanzarin circa il problema del completamento della Valdastico nord, viene da pensare che sia proprio in buona fede. Ella è cioè convinta che l'opposizione alla A31 sia una questione di preconcetta litigiosità politica di stampo qualunquistico, aggravata dall'ignoranza di fatti storici e documentali importantissimi, come ad esempio l'entusiastico appoggio trasversale di una settantina di sindaci. Tanto più che questo consenso si traduce in vantaggio per i lavoratori e per le imprese che ne hanno tanto bisogno. Questi argomenti devono avere per lei la forza dirimente di un fatto talmente incontestabile, che solo degli sciocchi faziosi li possono revocare in dubbio. Insomma che altro bisogna sapere?

Spiacenti di deludere il candore della Lanzarin, ma la informiamo che purtroppo ci sono altre cose da sapere. Come al solito, è lei che deve informarsi meglio, visto che non considera neppure (forse neanche lo conosce) il contenuto delle perizie geologiche sulla frana La Marogna a cura del prof.  Dario Zampieri (Dipartimento di Geoscienze dell’Università di Padova), comunque da tutti facilmente consultabili in rete. Qui si definisce l'area prescelta per l'inizio della galleria della Valdastico Nord «zona ad alto rischio geologico». E come mai tale perizia è totalmente ignorata?

Possibile che per superare la crisi si debba ripartire proprio da chi ha contribuito a creare un sistema corrotto per gestire la cosa pubblica?

La Lanzarin ed il suo partito solo ieri inveivano contro la cementificazione selvaggia del ns. territorio in occasione del terribile, ennesimo, evento alluvionale avvenuto in provincia di Treviso, e oggi allegramente invocano nuovo cemento che porterà ulteriore devastazione e dissesto. Con quale coerenza? Povera Italia....

Serve una svolta coraggiosa!

M5S Rosà

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti gli animali sono uguali, ma alcuni sono più uguali degli altri

A seguito del Consiglio Comunale di Lunedì scorso, riprendiamo un celeberrimo motto da un romanzo dello scrittore Orwell , che con le sue opere ha saputo raccontare e criticare la realtà delle dittature . Perché? Perché la partecipazione al Consiglio Comunale è diventata ormai una farsa . Così come i maiali della " Fattoria degli Animali "  da buoni amministratori diventano col tempo degli spietati dittatori che reprimono qualsiasi dissenso, così la maggioranza rosatese tratta le opposizioni. La dignità e il rispetto sono continuamente calpestate e le minoranze sono praticamente derise, anche quando la maggioranza sa di essere in fallo. Dopotutto chi se ne accorge? Non sembra esserci molto interesse sui retroscena dell'amministrazione comunale, né da parte dei cittadini (così come le pecore del romanzo), né da chi potrebbe riportare al pubblico determinate questioni, risvegliando le coscienze. Ormai la cittadinanza è assuefatta dal meccanismo della delega , divenuta una

Il TAR si è pronunciato: Il comune di Rosà è tenuto a risarcire

Un importante progetto ne è andato di mezzo, l' illuminazione pubblica . Siamo ad un nuovo capitolo di un caso che forse tanto isolato non è. Il Comune di Rosà dopo aver aperto un bando di gara e ricevuto le varie proposte ha pensato di accettare un cambiamento del preventivo all'ultimo momento. E indovinate chi ha vinto la gara? Avete capito giusto, proprio questa fortunata azienda F.lli Carollo Srl. Dopo essersi vista approvare il preventivo, hanno pensato di innalzarlo per giusta causa da 549.266 euro a 715.864 euro, violando il principio di immodificabilità dell’offerta e della par condicio tra i partecipanti. Il TAR di Venezia ha accolto il ricorso della seconda ditta classificata e ha condannato il Comune e Flli Carollo a pagare le spese processuali annullando tutti gli atti di gara . Questa sentenza non può passare inosservata! Visto il “modus operandi” dobbiamo preoccuparci anche per gli altri appalti e subappalti che il Comune sta facendo? Il M5S di Rosá è vig

Tutto in regola dunque?

In merito alla sentenza del Tar riguardante l'assegnazione dei lavori di adeguamento dell'illuminazione di Rosá che ha dichiarato inammissibile l'offerta presentata dalla F.lli Carollo perché ritenuta non congrua, avremo bisogno di qualche ulteriore chiarimento da parte del Sindaco dopo le sue dichiarazioni. 1) Come ha fatto la commissione di gara a permettere quanto accaduto? Citando testualmente dalla sentenza TAR: ... in occasione dei chiarimenti resi nell’ambito del sub-procedimento di verifica dell’anomalia dell’offerta, un inammissibile taglio ex post dei prezzi complessivamente proposti per ciascuna delle tre liste di lavori (per un totale pari ad euro 715.864,00, come risultante dalla sommatoria degli importi riportati per ciascuna lista), andando così a modificare tutti i prezzi unitari originariamente offerti, al fine di raggiungere e dunque giustificare l’importo complessivo di € 549.266,00 di cui alla predetta dichiarazione riepilogativa. 2) Come ha provvedut