Passa ai contenuti principali

Elezioni provinciali: M5S non parteciperà all'ennesima farsa

In questi giorni la partitocrazia si sta preparando alle cosiddette elezioni delle "nuove province". Il MoVimento 5 Stelle si è da sempre battuto in tutte le sedi per la loro totale abolizione, i compiti attuali delle province possono tranquillamente essere aggregati agli altri enti locali, salvaguardando così il servizio ai cittadini, i livelli occupazionali e il patrimonio professionale dei lavoratori. La legge 56 di riforma esclude del tutto i cittadini e riserva il diritto di voto ai politici già eletti, limitandone gravemente la democrazia.


Alle elezioni delle "nuove province", i politici "eleggono" altri politici. E la chiamano abolizione. Il sistema partitocratico è adesso intento a spartirsi le poltrone, questo meccanismo ha dato il via nel territorio vicentino ad un nuovo e fitto gioco di alleanze ed inciuci per accaparrarsi le sedie; gli attori in campo appartengono al Pd, al Pdl, alla Lega ed alle altre forze politiche che, volutamente o meno, sono spesso mascherate da improbabili liste "civiche".

Tutti? NO! Il MoVimento 5 Stelle ha scelto di non partecipare a questa farsa elettorale, coerentemente con quanto promesso ai cittadini nel proprio programma elettorale.
Sotto il profilo dei costi, tutta questa messa in scena ha il sapore della beffa, se non della truffa: rimborsi ed indennità non spariranno, anzi. Nella conversione in legge del DL Pubblica Amministrazione del 7 agosto 2014 è stata inserita una postilla (all'articolo 23, comma 84 del paragrafo f-bis) grazie alla quale le Province dovranno continuare a sostenere pesanti costi per consiglieri e presidenti, che, ribadiamo, non saranno eletti dai cittadini. Altro che riduzione dei costi della politica!
La vecchia politica continua a mietere dalle tasche dei cittadini fingendo di tagliare i privilegi. Le riforme di Renzi sono fumo negli occhi dei cittadini ai quali invece vengono chiesti sacrifici enormi. Di fronte alle scadenze incombenti della TASI, altra batosta per le tasche dei cittadini, invece di dimostrare che finalmente tutti fanno degli sforzi, governo e maggioranza allargata perseverano nelle spese insensate.
Il MoVimento 5 Stelle della provincia di Vicenza ribadisce il suo NO alla vecchia e nuova Provincia e NO alla vecchia, finta, "nuova" politica del governo Renzi - Berlusconi. Per rispetto verso i cittadini, i consiglieri comunali del Movimento 5 Stelle, unanimi, pur avendone diritto, non si candideranno a queste elezioni farsa e si asterranno dal votare qualsivoglia candidato.

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti gli animali sono uguali, ma alcuni sono più uguali degli altri

A seguito del Consiglio Comunale di Lunedì scorso, riprendiamo un celeberrimo motto da un romanzo dello scrittore Orwell , che con le sue opere ha saputo raccontare e criticare la realtà delle dittature . Perché? Perché la partecipazione al Consiglio Comunale è diventata ormai una farsa . Così come i maiali della " Fattoria degli Animali "  da buoni amministratori diventano col tempo degli spietati dittatori che reprimono qualsiasi dissenso, così la maggioranza rosatese tratta le opposizioni. La dignità e il rispetto sono continuamente calpestate e le minoranze sono praticamente derise, anche quando la maggioranza sa di essere in fallo. Dopotutto chi se ne accorge? Non sembra esserci molto interesse sui retroscena dell'amministrazione comunale, né da parte dei cittadini (così come le pecore del romanzo), né da chi potrebbe riportare al pubblico determinate questioni, risvegliando le coscienze. Ormai la cittadinanza è assuefatta dal meccanismo della delega , divenuta una

Il TAR si è pronunciato: Il comune di Rosà è tenuto a risarcire

Un importante progetto ne è andato di mezzo, l' illuminazione pubblica . Siamo ad un nuovo capitolo di un caso che forse tanto isolato non è. Il Comune di Rosà dopo aver aperto un bando di gara e ricevuto le varie proposte ha pensato di accettare un cambiamento del preventivo all'ultimo momento. E indovinate chi ha vinto la gara? Avete capito giusto, proprio questa fortunata azienda F.lli Carollo Srl. Dopo essersi vista approvare il preventivo, hanno pensato di innalzarlo per giusta causa da 549.266 euro a 715.864 euro, violando il principio di immodificabilità dell’offerta e della par condicio tra i partecipanti. Il TAR di Venezia ha accolto il ricorso della seconda ditta classificata e ha condannato il Comune e Flli Carollo a pagare le spese processuali annullando tutti gli atti di gara . Questa sentenza non può passare inosservata! Visto il “modus operandi” dobbiamo preoccuparci anche per gli altri appalti e subappalti che il Comune sta facendo? Il M5S di Rosá è vig

Tutto in regola dunque?

In merito alla sentenza del Tar riguardante l'assegnazione dei lavori di adeguamento dell'illuminazione di Rosá che ha dichiarato inammissibile l'offerta presentata dalla F.lli Carollo perché ritenuta non congrua, avremo bisogno di qualche ulteriore chiarimento da parte del Sindaco dopo le sue dichiarazioni. 1) Come ha fatto la commissione di gara a permettere quanto accaduto? Citando testualmente dalla sentenza TAR: ... in occasione dei chiarimenti resi nell’ambito del sub-procedimento di verifica dell’anomalia dell’offerta, un inammissibile taglio ex post dei prezzi complessivamente proposti per ciascuna delle tre liste di lavori (per un totale pari ad euro 715.864,00, come risultante dalla sommatoria degli importi riportati per ciascuna lista), andando così a modificare tutti i prezzi unitari originariamente offerti, al fine di raggiungere e dunque giustificare l’importo complessivo di € 549.266,00 di cui alla predetta dichiarazione riepilogativa. 2) Come ha provvedut