Passa ai contenuti principali

Tricom, per non dimenticare

Molti conosceranno la vicenda di Erin Brockovich - grazie anche al film con Julia Roberts - e della contaminazione da cromo esavalente delle falde che scorrevano sotto una cittadina della California, la quale causò malattie, tumori e decessi tra gli abitanti della zona.

Sembrano storie lontane, cose che succedono solo in America. Storie da film. E invece no.
Una contaminazione da cromo VI è avvenuta anche qui, nel nostro vicinato, a Stroppari di Tezze sul Brenta, sul confine con il comune di Rosà, e le conseguenze le stiamo pagando ancor oggi.

IMG_2519

Ieri sera abbiamo voluto esserci alla presentazione del libro "Il paese che brillò tra le luci del cromo" di Elena Baù, dove l'autrice racconta in un misto tra romanzo e realtà le vicende legate a questi tragici fatti, accaduti nella sua Stroppari.

Tutto parte dal 1971, quando il comune di Tezze concede un'area industriale ad un'azienda di costruzioni meccaniche, che nel 1973 farà richiesta per la realizzazione di un impianto galvanico.

Inizialmente il Comune si accerta che siano rispettate tutte le regole di sicurezza, che gli impianti siano a norma, e stabilisce addirittura che ogni qualvolta essa procederà allo svuotamento dei fanghi raccolti nelle vasche stagne, dovrà essere presente un incaricato del Comune.
Bene, niente di cui preoccuparsi allora.

Purtroppo tra ciò che viene scritto sulla carta e ciò che viene fatto, passa molte volte differenza.
Già nel 1974, lo scarico industriale esce dall'impianto direttamente nella Roggia Brotta, dove a settembre dello stesso anno viene rilevata una concentrazione di cromo VI pari a 5700 microgrammi/l (quando il limite massimo consentito per legge è di 5 microgrammi/l, una concentrazione quindi oltre 1000 volte superiore).

Nel 1975 l'azienda assume la ragione sociale per cui sarà tristemente nota in seguito: Tricom Spa.
A febbraio di quell'anno sono rilevati 7200 microgrammi/l di cromo VI.

Nel 1977 parte la prima comunicazione giudiziaria nei confronti dei responsabili per avvelenamento di acqua e scarico di rifiuti industriali in acque pubbliche senza autorizzazioni.

1979: L’Amministrazione provinciale di Vicenza revoca l’autorizzazione alla ditta Tricom di scaricare i liquami industriali in data 19/09/79. L'allora sindaco di Tezze (che lavora all’interno della ditta Tricom) emana due autorizzazioni trimestrali provvisorie per continuare lo scarico (l’ultima scadrà il 13/09/1980) in deroga alla revoca della Provincia.

Nel 1980 vengono rilevati pozzi inquinati fino a Tombolo, e i NAS di Padova emettono provvedimenti a carico della Tricom per una serie di problemi (non aver indicato il luogo di destinazione dei fanghi prodotti dalla depurazione dei reflui industriali, aver continuato a scaricare fanghi anche dopo la scadenza delle proroghe concesse dal sindaco, ... perfino aver evitato di far sottoporre i dipendenti alle visite mediche trimestrali).

Nel 1982, su 20 lavoratori esaminati, ben 17 presentano diagnosi variabili da “reperto infiammatorio” a “displasia” (stadio precedente il tumore).

Dopo anni di perizie e rinvii a giudizio, nel 1995 la Tricom cede la propria attività di cromatura alla Galvanica PM.

Nel 2001 un'ordinanza del comune di Cittadella invita i cittadini a non utilizzare acqua proveniente da pozzi privati. Negli stessi anni partono anche le prime denunce da parte dei familiari di ex-lavoratori della Tricom deceduti per cancro ai polmoni.

Solo nel 2002 - dopo ormai quasi 30 anni di inquinamento - partono delle indagini della polizia giudiziaria per individuare la fonte di inquinamento dell'acqua della falda da cui i pozzi privati pescano, e la Galvanica PM viene imputata come responsabile.

Il 24 Dicembre 2003 la Galvanica PM decreta il proprio fallimento, accettato nonostante vi sia un procedimento penale in corso.

Fino al 2011 si susseguono processi, oltre a presidi davanti al Tribunale di Bassano per denunciare i fatti e chiedere giustizia per i danni ambientali e i decessi di ex-operai della Galvanica PM / Tricom.




Cronistoria dettagliata:
http://digilander.libero.it/salute.tezze/cronistoria_2011.pdf

Approfondimento per capire cos'è il cromo esavalente (cromo VI) e qual è la differenza dal cromo trivalente (cromo III):
http://www.ispesl.it/informazione/argomenti/campagna2006-2008/factSheets/DML_CromoEsavalente.pdf

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti gli animali sono uguali, ma alcuni sono più uguali degli altri

A seguito del Consiglio Comunale di Lunedì scorso, riprendiamo un celeberrimo motto da un romanzo dello scrittore Orwell , che con le sue opere ha saputo raccontare e criticare la realtà delle dittature . Perché? Perché la partecipazione al Consiglio Comunale è diventata ormai una farsa . Così come i maiali della " Fattoria degli Animali "  da buoni amministratori diventano col tempo degli spietati dittatori che reprimono qualsiasi dissenso, così la maggioranza rosatese tratta le opposizioni. La dignità e il rispetto sono continuamente calpestate e le minoranze sono praticamente derise, anche quando la maggioranza sa di essere in fallo. Dopotutto chi se ne accorge? Non sembra esserci molto interesse sui retroscena dell'amministrazione comunale, né da parte dei cittadini (così come le pecore del romanzo), né da chi potrebbe riportare al pubblico determinate questioni, risvegliando le coscienze. Ormai la cittadinanza è assuefatta dal meccanismo della delega , divenuta una

12 Maggio - "Non uno ma ben due guanti di sfida alle liste in corsa per le amministrative rosatesi"

Venerdì 12 Maggio p.v. ci sarà la presentazione del programma elettorale della lista pentastellata a cui tutta la cittadinanza rosatese è invitata. Precisa il candidato sindaco "Abbiamo voluto presentare il nostro programma un giorno prima della data ultima di presentazione ufficiale delle liste, appunto per lanciare un guanto di sfida. La sfida è sui temi, sui contenuti che ogni lista deve portare alla cittadinanza. Già 5 anni fa si è fatto il gioco del tira e molla tra liste per stabilire chi diceva meglio lo stesso identico punto del programma. Questa volta vogliamo essere noi a dire agli altri, copiateci , ne saremmo onorati". E con il guanto ancora in mano, il laureato alla Ca' Foscari Stragliotto "Con la serata di Venerdì, vogliamo dire a tutti i rosatesi: se ci darete la possibilità noi possiamo realizzare tutti questi punti e guardate che lo faremo sul serio! " afferma sorridendo il candidato sindaco grillino. Inoltre, nella serata sarà p

Il TAR si è pronunciato: Il comune di Rosà è tenuto a risarcire

Un importante progetto ne è andato di mezzo, l' illuminazione pubblica . Siamo ad un nuovo capitolo di un caso che forse tanto isolato non è. Il Comune di Rosà dopo aver aperto un bando di gara e ricevuto le varie proposte ha pensato di accettare un cambiamento del preventivo all'ultimo momento. E indovinate chi ha vinto la gara? Avete capito giusto, proprio questa fortunata azienda F.lli Carollo Srl. Dopo essersi vista approvare il preventivo, hanno pensato di innalzarlo per giusta causa da 549.266 euro a 715.864 euro, violando il principio di immodificabilità dell’offerta e della par condicio tra i partecipanti. Il TAR di Venezia ha accolto il ricorso della seconda ditta classificata e ha condannato il Comune e Flli Carollo a pagare le spese processuali annullando tutti gli atti di gara . Questa sentenza non può passare inosservata! Visto il “modus operandi” dobbiamo preoccuparci anche per gli altri appalti e subappalti che il Comune sta facendo? Il M5S di Rosá è vig