Passa ai contenuti principali

I nostri diritti non sono in vendita

Ci viene spesso detto che l’Europa e il parlamento Europeo - in contrasto con il crescente euroscetticismo - avvantaggia noi cittadini dell’Unione su diversi livelli:




  • a livello sociale, garantendo diritti fondamentali

  • a livello economico e commerciale, favorendo gli scambi tra i paesi comunitari

  • etc.



In linea di massima possiamo dire che le cose stiano così, ma se andiamo un po’ a fondo alla questione ci accorgiamo che - soprattuto in questo periodo, in cui la crisi economica si è protratta a lungo - la “direzione” europea sembra aver preso una piega non molto chiara.


Innanzitutto, per avere almeno un’infarinatura di come funzioni l’Europa, dobbiamo sapere che gli organi fondamentali che la compongono sono:




  • la Commissione Europea, che è l’unico organo ad avere iniziativa legislativa (ovvero può proporre una legge).

  • il Parlamento europeo, che può discutere e votare le leggi proposte dalla Commissione.



La Commissione è a sua volta composta da:




  • un Presidente - attualmente Jean-Claude Juncker.

  • 7 Vice-Presidenti, di cui uno è il Primo Vice-Presidente (attualmente Frans Timmermans), il quale ha diritto di veto su tutti gli altri sei.

  • 20 membri del Consiglio.



In base ai poteri conferiti a Presidente e Primo Vice-Presidente, si intuisce che praticamente tutto il potere decisivo e di iniziativa legislativa è in mano a questi due uomini, che essendo un lussemburghese (Juncker) e un olandese (Timmersman) non arrivano insieme a rappresentare neanche il 3% della popolazione europea.



È risaputo che sia l’Olanda, ma soprattuto il Lussemburgo, siano paesi devoti alla finanza e alle multinazionali, che in questi paesi hanno le loro sedi fiscali.



Inoltre, sono di questi giorni le notizie relative allo scandalo LuxLeaks, secondo il quale proprio Juncker, in qualità di Primo Ministro del Lussemburgo avrebbe favorito durante tale carica istituzionale l’elusione fiscale di banche e multinazionali (in cambio di cosa? viene spontaneo chiedersi).



Forse adesso è un po’ più chiaro del perché si “vociferi” che l’Europa sia in mano alla finanza e agli speculatori.



In questo momento di particolare debolezza dell’Europa, c’è ovviamente anche chi ne approfitta. Pur di uscire dalla crisi e trovare nuove forme di rilancio dell’economia (o forse dovremmo dire “nuove forme di speculazione”), chi ci rappresenta in Europa - soprattuto le alte sfere sopra citate - sono disposte a cedere e svendere qualsiasi cosa. Un po’ come la povera massaia, che strozzata dalla crisi, si vede costretta a vendere i propri ori e gioielli.



Ma c’è una bella differenza: i gioielli sono della massaia, ma ciò che Juncker svende non è roba sua. Sono i nostri diritti.



Ed ecco allora che, fiutando l’affare come un pescecane fiuta il sangue a distanza, gli Stati Uniti tornano all’attacco con un trattato che da molti anni stanno cercando di rifilarci: il TTIP (Transatlantic Trade and Investment Partnership).



Che cos’è questo trattato? Traducendo alla lettera, si dovrebbe trattare di un partenariato per il libero scambio di beni e servizi tra Europa e Stati Uniti, ma la risposta non è così facile, per il semplice fatto che i contenuti di questo trattato sono completamente secretati, e quel poco che si sa sono notizie trapelate nei corridoi di Strasburgo e Bruxelles.



Una cosa sembra però abbastanza certa: tra gli obbiettivi del trattato i cittadini passano in secondo piano. Per non dire che sono praticamente calpestati.



I temi che tale trattato va a toccare sono innumerevoli: regolamentazioni alimentari, regolamentazioni sulla sicurezza, banche, assicurazioni, sanità, telecomunicazioni, etc.



Ma cosa si va a toccare su questi punti? Non tanto le barriere tariffarie e doganali, che di per sé sono già basse tra Europa e Stati Uniti, ma piuttosto le barriere cosiddette “non-tariffarie”.



Si vuole cioè cercare di abbassare tutti quei vincoli a tutela dei cittadini che finora hanno fatto in modo che - per esempio - non si potessero usare determinati pesticidi nelle colture o ormoni negli  allevamenti.



Per rimanere nel campo dell’alimentazione, sappiamo che negli USA è permesso l’utilizzo di determinati additivi chimici nell’industria alimentare, che in Europa invece non sono ammessi. Fortunatamente in Europa vige il principio di cautela: “Se non riesco a dimostrare che una sostanza è dannosa o che può avere effetti collaterali, per sicurezza non ne permetto l’uso”.



Negli Stati Uniti avviene invece il contrario: “Se non riesco a dimostrare che una sostanza è dannosa, allora la posso utilizzare”, col risultato di accorgersi di danni a lungo termine dopo decenni in cui si è permesso l’utilizzo di tale sostanza, in base a questo sciocco principio.



Il principio di cautela Europeo, che finora ci ha tutelato, dà fastidio agli Stati Uniti, che non possono commerciare da noi le loro merci “non conformi” agli standard europei.



Quindi cosa succederebbe se il TTIP venisse approvato?



Via libera a OGM, carni derivate da allevamenti di animali trattati con antibiotici e ormoni che da noi sono vietati, abbassamento delle soglie di pericolosità di molte sostanze nocive (pesticidi, fitofarmaci, etc.)



Oltre a questo, verrebbero modificate tutta una serie di regolamentazioni e standard ambientali, standard sul lavoro, sulla produzione di medicinali, sulla regolamentazione della fruizione e della libertà di Internet, e così via.



In ultima, ma non meno importante, sarebbe introdotta per le grandi multinazionali la possibilità di fare causa ai governi nazionali, qualora queste vedessero lesi i loro profitti, in base a degli accordi chiamati ISDS (Investor-State Dispute Settlement). Le cause aperte secondo questi accordi verrebbero giudicate da un tribunale privato.



Ecco come sono stati applicati alcuni ISDS in altre parti del mondo:




  • Il Governo Australiano fa campagna anti-fumo? La Philip Morris chiede i danni al governo australiano.

  • Il Governo Argentino congela il costo delle bollette perché i cittadini sono alla fame? Le utility delle utenze fanno causa al governo argentino per i mancati guadagni.

  • L’Egitto promuove una legge per aumentare lo stipendio minimo? Un’azienda francese che ha in appalto la gestione dei rifiuti fa causa al governo perché è costretta a pagare di più i dipendenti, e di conseguenza perde profitti.



In sostanza: se uno stato si permette di tutelare i suoi cittadini, le multinazionali lo bacchettano.



Dove mai può andare a finire una società che per il mero profitto di pochi svende i diritti di tutti?






Come gruppo di Rosà abbiamo presentato una mozione per sensibilizzare l’amministrazione e la cittadinanza su questi temi, e fare in modo che il Comune di Rosà riporti la sua posizione ad altri organi come il Consiglio Regionale, il Consiglio dei Ministri, e così via.



La mozione in formato PDF è scaricabile a questo link.

Commenti

Post popolari in questo blog

Tutti gli animali sono uguali, ma alcuni sono più uguali degli altri

A seguito del Consiglio Comunale di Lunedì scorso, riprendiamo un celeberrimo motto da un romanzo dello scrittore Orwell , che con le sue opere ha saputo raccontare e criticare la realtà delle dittature . Perché? Perché la partecipazione al Consiglio Comunale è diventata ormai una farsa . Così come i maiali della " Fattoria degli Animali "  da buoni amministratori diventano col tempo degli spietati dittatori che reprimono qualsiasi dissenso, così la maggioranza rosatese tratta le opposizioni. La dignità e il rispetto sono continuamente calpestate e le minoranze sono praticamente derise, anche quando la maggioranza sa di essere in fallo. Dopotutto chi se ne accorge? Non sembra esserci molto interesse sui retroscena dell'amministrazione comunale, né da parte dei cittadini (così come le pecore del romanzo), né da chi potrebbe riportare al pubblico determinate questioni, risvegliando le coscienze. Ormai la cittadinanza è assuefatta dal meccanismo della delega , divenuta una

Il TAR si è pronunciato: Il comune di Rosà è tenuto a risarcire

Un importante progetto ne è andato di mezzo, l' illuminazione pubblica . Siamo ad un nuovo capitolo di un caso che forse tanto isolato non è. Il Comune di Rosà dopo aver aperto un bando di gara e ricevuto le varie proposte ha pensato di accettare un cambiamento del preventivo all'ultimo momento. E indovinate chi ha vinto la gara? Avete capito giusto, proprio questa fortunata azienda F.lli Carollo Srl. Dopo essersi vista approvare il preventivo, hanno pensato di innalzarlo per giusta causa da 549.266 euro a 715.864 euro, violando il principio di immodificabilità dell’offerta e della par condicio tra i partecipanti. Il TAR di Venezia ha accolto il ricorso della seconda ditta classificata e ha condannato il Comune e Flli Carollo a pagare le spese processuali annullando tutti gli atti di gara . Questa sentenza non può passare inosservata! Visto il “modus operandi” dobbiamo preoccuparci anche per gli altri appalti e subappalti che il Comune sta facendo? Il M5S di Rosá è vig

Tutto in regola dunque?

In merito alla sentenza del Tar riguardante l'assegnazione dei lavori di adeguamento dell'illuminazione di Rosá che ha dichiarato inammissibile l'offerta presentata dalla F.lli Carollo perché ritenuta non congrua, avremo bisogno di qualche ulteriore chiarimento da parte del Sindaco dopo le sue dichiarazioni. 1) Come ha fatto la commissione di gara a permettere quanto accaduto? Citando testualmente dalla sentenza TAR: ... in occasione dei chiarimenti resi nell’ambito del sub-procedimento di verifica dell’anomalia dell’offerta, un inammissibile taglio ex post dei prezzi complessivamente proposti per ciascuna delle tre liste di lavori (per un totale pari ad euro 715.864,00, come risultante dalla sommatoria degli importi riportati per ciascuna lista), andando così a modificare tutti i prezzi unitari originariamente offerti, al fine di raggiungere e dunque giustificare l’importo complessivo di € 549.266,00 di cui alla predetta dichiarazione riepilogativa. 2) Come ha provvedut